Sutera. Approvata la determinazione di indennità per Sindaco e Giunta

giunta comunale-2 2013Sutera- Con la delibera n. 75 del 27 giugno 2016, la Giunta Comunale di Sutera ha approvato la “determinazione dell’indennità di funzione del Sindaco e dei componenti della Giunta comunale”, ovvero il provvedimento che riguarda la formalizzazione della diminuzione del 30% dell’indennità di carica per Sindaco e Assessori. In realtà, tale provvedimento è solo una formalità, in quanto fin dal primo giorno di insediamento dell’amministrazione si è operata una diminuzione dell’indennità di carica. “Già la precedente Giunta del Sindaco Difrancesco, con atto deliberativo n. 63 del 1 giugno 2011, aveva fissato la misura del 30% anche per la carica del Presidente del Consiglio e per i gettoni di presenza dei Consiglieri Comunali- scrive l’Assessore Nino Pardi. Ad oggi, la maggior parte dei componenti percepisce l’indennità ridotta a metà, in quanto dipendente pubblico. Tutto ciò, favorisce un risparmio a favore dei cittadini; un risparmio mensile di 2.356,25 euro che si traduce in 28.275,00 euro annui. In definitiva, per i cinque anni di amministrazione, dal 2013 al 2018, questa Giunta farà risparmiare ai cittadini 141.375,00 euro”- continua il comunicato.  “A questo bisogna aggiungere altri 10.000 di risparmio del Presidente del Consiglio Comunale e di tutti i consiglieri che a breve porteranno all’approvazione del civico consesso lo stesso provvedimento di ratifica. Le cifre a cui si fa riferimento sono cifre lorde: per intenderci, il sindaco Grizzanti prende un’indennità di carica pari a 324,10 euro nette al mese”. L’Assessore Pardi spiega: “Questo risparmio è pari alla cifra che il Comune spende per il funzionamento del servizio di mensa scolastica per gli alunni della scuola di Sutera per il mantenimento del tempo pieno, per il funzionamento della piscina comunale estiva all’aperto e, soprattutto, permette di potere erogare interventi assistenziali economici come il “servizio civico”. Quest’ultimo permette, non solo di tamponare la crisi economica che i più bisognosi hanno subìto, ma consente di intervenire per la pulizia e il decoro del paese con l’eliminazione delle erbacce, la pulizia delle aiuole, dei locali comunali e la sistemazione di angoli del paese. Per essere ancora più chiari: il risparmio che la riduzione delle indennità, operativa dall’insediamento, senza clamori e senza proclami, ha permesso agli amministratori di questo comune di finanziare tutti questi servizi utili alla collettività per cinque anni”.

Lascia un commento

Ricerca in Archivio per Categorie