«Troppo squilibrio tra redditi e possedimenti», scatta sequestro di beni e soldi

Caltanissetta – Sequestrati beni sospetti appartenenti a un pregiudicato nisseno. Al centro del provvedimento sono finiti sei fabbricati a Caltanissetta e depositi a risparmio per un valore di 150.000 euro.

La misura, scattata sull’onda della normativa antimafia, è stata disposta dal tribunale di Caltanissetta su proposta del questore ed è stata eseguita dai poliziotti della sezione misure di prevenzione della divisione anticrimine.

Secondo la tesi investigativa, sarebbe emerso un forte squilibrio hanno dimostrato tra il reddito dichiarato negli ultimi anni dal possessore e il valore dei beni a lui intestati.

Ad accendere i riflettori sulla questione è stato l’acquisto di un immobile nel 2011, anche se lo stesso non ha dichiarato alcun reddito negli anni precedenti e, in particolare, nel 2010, 2011, 2014 e 2015.

Questa l’anomalia che ha fatto scattare le indagini che si sono catalizzate sui possedimenti del nisseno che ha già avuto grane con la giustizia per droga.

Lascia un commento

Ricerca in Archivio per Categorie