Home Cronaca «Quel palazzo è da sgomberare e demolire», s’infiamma la battaglia

«Quel palazzo è da sgomberare e demolire», s’infiamma la battaglia

711 views
0

Caltanissetta – È battaglia giudiziaria quella che s’è accesa sulla demolizione di un palazzo. Operazione reclamata da una delle parti in questione ed a cui si sono opposti i destinatari.

Sullo sfondo pronunciamenti del Tar sullo sgombero e demolizione e una diffida indirizzata una diffida indirizzata alla commissione straordinaria del Comune di San Cataldo e al prefetto di Caltanissetta.

Sì, perché è a San Cataldo che si trova il palazzo della discordia. Lì si trova la costruzione, sorta nei primi anni novanta, di cui una confinante – assistita dall’avvocato Gioacchino Genchi – avrebbe chiesto l’abbattimento perché, secondo la sua tesi, non rispetterebbe la distanza minima dal suo fondo.

E tra le pieghe della sua diffida, l’avvocato Genchi ha rimarcato come «già da tempo si sarebbe dovuto provvedere allo sgombero e alla demolizione, da parte del Comune di San Cataldo, delle opere e dei manufatti edilizi abusivi ubicati al civico 60 della via dei Platani di San Cataldo».

Peraltro, seppur i termini sono stati posticipati di alcuni giorni, una ordinanza del Comune di San Cataldo ha imposto alle società che gestiscono il servizio, il distacco delle utenze di acqua, energia elettrica e gas. Provvedimento che interesserà le quattro famiglie che vivono nella costruzione in questione.

Di contro, sul fronte opposto, gli abitanti del palazzo della discordia – assistiti l’avvocato Antonio Messina –  hanno chiesto una sospensiva.

E parallelamente avrebbero puntato l’indice su un errore di fondo che sarebbe legato al confine catastale che non coinciderebbe con quello reale. Per cui la distanza, in realtà sarebbe stata rispettata.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi