Home Cronaca Si barrica in casa a Campofranco, arrestato dopo una notte di trattative...

Si barrica in casa a Campofranco, arrestato dopo una notte di trattative con i carabinieri

2.415 views
0
immagine di repertorio

Campofranco – Resta in carcere l’operaio di Campofranco che, martedì scorso,  per una notte intera s’è barricato in casa minacciando di morte moglie carabinieri.

Solo dopo una lunga trattativa andata avanti una notte intera con un mediatore dei carabinieri, alla fine, si arreso consegnandosi agli stessi militari.

Ora il cinquantunenne di Campofranco, Calogero Nicastro, dopo l’interrogatorio è rimasto in carcere, al Malaspina di Caltanissetta, su ordinanza di custodia cautelare.

Alla base della burrascosa vicenda, secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, vi sarebbero stati rapporti turbolenti con al moglie. E lui l’avrebbe accusata di non volergli fare vedere i figli che, peraltro, vivono all’estero.

Tutto ha avuto inizio nel tardo pomeriggio quando l’uomo prima avrebbe malmenato la moglie. Lei stessa ha poi chiamato i carabinieri.

Ma nel momento in cui la pattuglia è arrivata in zona – la coppia vive in un’abitazione a tre piani nel centro storico del paese – moglie e figli erano fuori, in strada, mentre lui si è asserragliato in casa.

È salito su e dal balcone ha cominciato a lanciare di tutto, compreso stoviglie, un martello e anche coltelli da cucina all’indirizzo dei militari. Secondo la tesi investigativa in quelle ore avrebbe bevuto un bel po’ di vino. Così da rendere la situazione ancor più critica.

Sullo sfondo una questione di lavoro legata a un presunto ritardo nella visita preselettiva per un cantiere di lavoro che dovrà attivarsi a Campofranco.

In quei frangenti avrebbe minacciato i militari e la moglie di morte, mentre ha continuato con quel lancio di oggetti dal balcone, tirando giù tutto ciò che capitava tra le mani. Denudandosi pure.

A quel punto è stato chiesto l’intervento di un mediatore. E la negoziazione tra l’esperto dei carabinieri e l’operaio è andata avanti per tutta la notte. Lui al balcone di casa. Il negoziatore in strada.

Così tutta la notte fino a quando, nelle primissime ore del mattino, dopo ore e ore di trattative, in zona sono arrivati anche il colonnello Baldassare Daidone, comandate provinciale dei carabinieri e il maggiore Fabio Pasquariello a capo del nucleo investigativo del reparto operativo.

E alla fine Nicastro, che ha chiesto di essere trasferito in caserma a Caltanissetta, è stato arrestato per resistenza, violenza e minacce a pubblico ufficiale. Ora il gip ha convalidato l’arresto disponendo la custodia cautelare in carcere.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3.5 / 5. Vote count: 6

Vota per primo questo articolo

Consentici di continuare a garantire il diritto di sapere quello che gli altri non ti dicono. Sostienici!

Con bonifico bancario, anche online, intestato ad:  Associazione “Castello Incantato”  CODICE IBAN IT68T0897583380000000011400 (Bcc “San Giuseppe Mussomeli" - causale: donazione liberale per castelloincantato.it).

CON PAYPAL O CARTA (clicca sotto)

Condividi