Home Attualità Si è spento Giuseppe Lanza di Scalea, rampollo di una famiglia che...

Si è spento Giuseppe Lanza di Scalea, rampollo di una famiglia che ha scritto la storia di Mussomeli

7.880 views
0

Mussomeli – Se ne va un rampollo di una famiglia legata indissolubilmente alle sorti e alla storia di Mussomeli per oltre cinque secoli. Sguardo magnetico, modi signorili,  il principe  Giuseppe Lanza di Scalea, nobiluomo palermitano è scomparso ieri  all’età di 74 anni. In queste ore viene ricordato soprattutto il suo legame con Alba Parietti, datato tra la fine degli anni 90 e gli inizi del 2000. Ma negli ultimi anni, accanto al principe, discendente della famiglia dei Florio, c’è stato un altro grande amore: la giornalista Ilaria Grillini. Volto de “La Vita in diretta” e amica di tanti esponenti della nobilità anche internazionale, la Grillini aveva realizzato nel 2013, proprio per la trasmissione per cui lavorava, un servizio a Villa Scalea, la dimora principesca di Giuseppe Lanza di Scalea. Uno dei gentiluomini più stimati del nostro tempo, eclettico, sempre alla ricerca di nuovi stimoli, che amava cimentarsi in esperienze diverse. “Quando sopraggiunge la noia – diceva – capisco che è arrivato il momento di cambiare e provare nuove sfide lavorative” e così è stato per tutta la sua esistenza. Nipote di Giuseppe Lanza di Scalea, per tre volte sindaco di Palermo e figlio di Francesco, anche lui politico, ricordava il rapporto non facile con il padre dal quale però conservava il valore fondamentale dell’onestà intellettuale e l’impegno di mantenere sempre la parola. A soli diciotto anni, lascia Villa Scalea la settecentesca residenza nobiliare immersa nella Piana dei Colli per  volare a Milano.  Qui studia e si laurea, ma non contento della vita milanese, decide di fare altro. Trascorre dieci anni a Roma dove apre una società di distribuzione cinematografica ma, dopo questa esperienza sicuramente stimolante, il richiamo alle proprie radici si fa sempre più forte, torna a Palermo dove si stabilisce definitivamente, “perché qui, alla fine , – raccontava il principe – la nostra città per quanto abbia tantissimi difetti, riesce ad avvolgerci sempre”. Lascia la moglie Benedetta Fumi Cambi Gado dal quale era separato e la figlia Giulia, di 25 anni. “Sono molto contento di come sta crescendo – ci confessò anni fa – dei valori che porta con sé e del nostro rapporto confidenziale”. Parole che oggi, Giulia, terrà più che mai strette al cuore.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 4.3 / 5. Vote count: 20

Vota per primo questo articolo

Consentici di continuare a garantire il diritto di sapere quello che gli altri non ti dicono. Sostienici!

Con bonifico bancario, anche online, intestato ad:  Associazione “Castello Incantato”  CODICE IBAN IT68T0897583380000000011400 (Bcc “San Giuseppe Mussomeli" - causale: donazione liberale per castelloincantato.it).

CON PAYPAL O CARTA (clicca sotto)

Condividi