Home Cronaca Situazione esplosiva a Gela, Porrovecchio del Siap: «Brucia la città… urge rafforzare...

Situazione esplosiva a Gela, Porrovecchio del Siap: «Brucia la città… urge rafforzare gli organici»

215 views
0

Gela – «Sentiamo il dovere, come maggiore organizzazione sindacale del mondo della sicurezza su questo territorio, di lanciare un appello, un grido di aiuto, affinché sia sentita forte la presenza dello Stato e della legalità in questi territori alla periferia della nostra amata nazione».

Appello che s’è levato dal Siap, il sindacato italiano appartenenti polizia, per voce segretario provinciale generale, Giuseppe Porrovecchio, guardando alla delicatissima situazione di Gela.

«La recrudescenza di fenomeni criminosi che si stanno verificando sul territorio di Gela, con esponenziale incremento di intensità e frequenza – ha osservato Porrovecchio – ci preoccupa e ci sgomenta non poco… la barbara pratica di attentati incendiari in danno di auto ed esercizi commerciali, per futili motivi non legati alla criminalità organizzata, ha avuto, e continua ad avere, una escalation che si è manifestata anche con folli e spregiudicati episodi di sparatorie in pieno giorno , fino ad arrivare addirittura al disinvolto puntamento di armi cariche e pronte a sparare contro operatori di polizia che svolgevano il loro quotidiano servizio di controllo del territorio».

E, guardando al domani, non ha nascosto «il fondato timore, che questi episodi possano essere preludio di fenomeni criminosi su larga scala, figli di un humus culturale ben radicato nel tessuto sociale gelese, e finalizzati al consolidamento di una cultura mafiosa dell’omertà che da sempre infiltra quei territori».

Da qui la richiesta di rafforzare la presenza delle forze dell’ordine sull’area in questione. «Le forze dello Stato, presenti sul territorio gelese, in relazione alla peculiare ed oggettiva degenerazione che impregna il tessuto sociale, economico ed istituzionale, sono insufficienti e nettamente in svantaggio al cospetto di un territorio che sfugge, in buona parte, non per colpa delle istituzioni presenti, al controllo dello Stato che ormai arranca nell’arginare detti fenomeni criminosi».

E in tal senso ha poi aggiunto che «con una nota, inviata nei giorni scorsi, ci siamo rivolti alle più alte cariche dello Stato a cui è demandata la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica ai quali rivolgiamo la nostra richiesta di aiuto al fine di dare il giusto impulso e adeguati strumenti alle istituzioni di quello stesso Stato, che qui, alla periferia del Paese lavora instancabilmente… si respira una grande preoccupazione tra i tutori dell’ordine presenti sul territorio gelese – ha aggiunto – anche in relazione alle aspettative di intervento concreto dello Stato che spesso sono state disilluse».

Tuttavia la buona organizzazione territoriale sarebbe riuscita in qualche modo ad arginare, almeno in parte. «Grazie alla sapiente, equilibrata ma decisa guida del questore di Caltanissetta, Emanuele Ricifari e del prefetto  – ha osservato Porrovecchio – in sinergia con magistratura ed altre forze di polizia presenti nella provincia, si è riuscito sin ora a mantenere accesa, nonostante le scarse risorse a disposizione, la ormai flebile fiamma della legalità.

E, auspicando «risposte concrete in termini di risorse umane, mezzi e tecnologia, necessari per garantire la sicurezza degli operatori di polizia e dei cittadini», lo stesso segretario generale del Siap ha chiesto che « in occasione della imminente assegnazione dei poliziotti che ultimeranno il loro percorso per l’immissione in ruolo nel prossimo mese di dicembre e successivamente a luglio del prossimo anno, nonché nella predisposizione dei potenziamenti delle questure e delle specialità della polizia di Stato, un congruo potenziamento delle risorse umane che vada al di là del mero ricambio dei previsti pensionamenti».

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 1 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi