Home Cronaca Sorpreso a bruciare rame, seconda denuncia in un paio di mesi

Sorpreso a bruciare rame, seconda denuncia in un paio di mesi

512 views
0

Caltanissetta – Ancora una volta lo hanno sorpreso a bruciare fili di rame. È la seconda volta nell’arco di un paio di mesi e sempre nella stessa zona, al villaggio Santa Barbara di Caltanissetta.

Già a marzo era stato al centro di una vicenda fotocopia. Ma in quella circostanza i poliziotti hanno sequestrato una ottantina di chili di cavi, a fronte del mezzo quintale di adesso.

Così per un trentottenne nisseno che già in passato ha avuto problemi con la giustizia ed è stato avvisato oralmente dal questore.

Ora gli sono stati trovati una cinquantina di chilogrammi di rame.  È stata una volante di polizia, durante un servizio di controllo del territorio, a notare un forte fumo nero a distanza.

Si sono avvicinati nella zona da dove proveniva e dentro un rudere di campagna hanno trovato il trentottenne che in qualche modo stava provando a spegnere il fuoco.

Ma un intenso fumo nero e un forte odore acre avevano già invaso l’aria. A nulla sono valsi i suoi tentativi fermare le fiamme.

 Durante le perquisizione che ne è seguita, gli agenti hanno rinvenuto sempre in quella catapecchia  una terza matassa.

Sulla provenienza di tutto quel materiale – esattamente com’era già accaduto in passato – l’uomo non è stato in grado di fornire alcuna spiegazione.

Il materiale è stato sequestrato dai poliziotti, mentre a carico dell’uomo è arrivata la denuncia per ricettazione e combustione illecita di rifiuti pericolosi.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Consentici di continuare a garantire il diritto di sapere quello che gli altri non ti dicono. Sostienici!

Con bonifico bancario, anche online, intestato ad:  Associazione “Castello Incantato”  CODICE IBAN IT68T0897583380000000011400 (Bcc “San Giuseppe Mussomeli" - causale: donazione liberale per castelloincantato.it).

CON PAYPAL O CARTA (clicca sotto)

Condividi