Home Cronaca Stragi Falcone e Borsellino, ergastolo nella notte alla primula rosa Messina Denaro

Stragi Falcone e Borsellino, ergastolo nella notte alla primula rosa Messina Denaro

201 views
0

Caltanissetta – Carcere a vita per la primula rossa di Cosa nostra Matteo Messina Denaro. Lo ha inchiodato alle sue responsabilità la corte d’Assise di Caltanissetta con un verdetto emesso nella notte,

Il boss di Castelvetrano, introvabile da oltre un quarto di secolo, è stato ritenuto in quel gotha che ha deliberato le stragi del ’92. Ma è ricercato anche per stragi del ’93 a Firenze, Milano e Roma

Le carneficine di Capaci prima e via D’Amelio poi, in cui morino, il 23 maggio di ventott’anni fa il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Di Cillo e Antonio Montinari e  il 19 luglio, sempre del 1992, in via D’Amelio, hanno perso la vita il procuratore aggiunto Paolo Borsellino e gli agenti Vincenzo Li Muli, Agostino Catalano, Eddie Cosina, Claudio Traina ed Emanuela Loi.

E lui, Messina Denaro – assistito dagli avvocati Giovanni Pace e Salvatore Baglio – sarebbe stato al fianco di Totò Riina nella pianificazione di quella stagione stragista con una vera e propria dichiarazione di guerra da parte di Cosa nostra allo Stato.

Durante l’istruttoria che si è celebrata a Caltanissetta, hanno deposto anche diversi collaboratori di giustizia come Gaspare Spatuzza, Antonino Giuffrè, Giovanni Brusca e Vincenzo Sinacori. E agli atti del procedimento sono entrati pure i verbali di interrogatorio dei pentiti ascoltati nei processi in cui il boss Messina Denaro è stato imputato a Palermo e Trapani.

Messina Denaro – secondo gli  inquirenti – avrebbe preso parte, a ottobre del 1991, al summit mafioso di Castelvetrano in cui sarebbe stato pianificato il progetto di assassinare Falcone. Alla riunione c’erano anche il boss Totò Riina, lo stesso Sinacori, e Giuseppe Graviano. Fu in quella occasione che Riina parlò della «supercosa»,

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Consentici di continuare a garantire il diritto di sapere quello che gli altri non ti dicono. Sostienici!

Con bonifico bancario, anche online, intestato ad:  Associazione “Castello Incantato”  CODICE IBAN IT68T0897583380000000011400 (Bcc “San Giuseppe Mussomeli" - causale: donazione liberale per castelloincantato.it).

CON PAYPAL O CARTA (clicca sotto)

Condividi