Home Cronaca Strauss: “Con Annacàmuni 2.0 abbiamo regalato momento di socialità e leggerezza. Amareggiati...

Strauss: “Con Annacàmuni 2.0 abbiamo regalato momento di socialità e leggerezza. Amareggiati per indifferenza delle Istituzioni”

667 views
0

Mussomeli – “Il 2022 è l’anno che ci sta facendo ben sperare nei riguardi del percorso di riappropriazione di libertà che durante gli anni pandemici ci erano state, giustamente, negate. Prima fra tutte la socialità, con il bisogno connesso e quasi fisiologico di incontrare gli altri per crescere”. Lo affermano in una nnota Strauss APS e aggiungono:  “Non ci siamo mai arresi  da perfetti dreamers e makers, abbiamo lavorato durante gli ultimi mesi del persistere della pandemia per creare basi solide sulle quali, finita la fase pandemica, le nostre pratiche si sarebbero potute attuare. E così è stato. Il Festival Annacàmuni 2.0, attività complementare di ‘Summerise’, progetto approvato e finanziato da Agenzia Nazionale per i Giovani nell’ambito del Programma Corpo Europeo di Solidarietà, arriva proprio come la ciliegina sulla torta, a suggellare un percorso di lavorazione laborioso, attento e metodico, proprio come quello di sovrapposizione degli strati di una torta. Il 14 settembre scorso abbiamo voluto testimoniare, regalando un momento di leggerezza alla comunità mussomelese e abbracciati da una piazza che è nella storia di Mussomeli simbolo della socialità e dell’aggregazione per eccellenza, abbiamo voluto che la scena fosse totalmente destinata ai bambini e ai volontari del Corpo Europeo di Solidarietà che da luglio scorso sono stati i protagonisti assoluti delle nostre attività laboratoriali, in presenza. Annacàmuni 2.0, festival delle arti e del mediterraneo, ha voluto proprio fare affidamento alla musica, al cibo, all’arte per consegnare ad un pubblico ‘affamato’ di socialità e leggerezza un momento che testimoniasse quanta energia vitale pulsa in Via della Vittoria 8, un’energia vivida che espande l’entusiasmo del folto gruppo di bambini e ragazzi che riempiono i locali di Strauss. Siamo la seconda agenzia educativa dopo la scuola e investire sulle nuove generazioni è la missione che ci siamo dati ed è attraverso loro che ci permettiamo di costruire nuovi orizzonti perché portiamo bambini e ragazzi a credere nelle loro capacità diventando cittadini attivi e consapevoli.Nei sogni di tutti, come nelle azioni di tutti, però, capita spesso di notare un elemento dissonante, una causa di disturbo, un pizzico di amarezza. Nemmeno il successo di Annacamuni è stato risparmiato da questa sensazione. Se, infatti, vediamo il nostro ruolo e il nostro lavoro come conosciuto e riconosciuto da parte della comunità locale, in particolare dai genitori che vedono in Strauss un porto sicuro dove attraccare i vascelli di crescita di tante bambine e ragazze e tanti ragazzi e bambini, spesso abbiamo la sensazione di non riuscire a vedere, o anche solo a scorgere, la stessa conoscenza e lo stesso riconoscimento da parte delle Istituzioni. Ci è dispiaciuto che Annacàmuni sia stato l’unico evento estivo che abbia dovuto fare i conti con limitazioni che hanno dato la sensazione che qualcosa organizzato da Strauss, senza alcun tornaconto economico e a totale beneficio della comunità tutta, si fosse trasformato in un possibile problema di ordine pubblico. Strauss si è sempre proposta e adoperata per trovare delle soluzioni per il benessere della comunità tutta. Per tutti coloro che vogliono conoscere Strauss e che con Strauss vogliono contribuire a migliorare la crescita della nostra comunità locale giovanile, la nostra porta è sempre aperta. Teniamo a menzionare, per la riuscita dell’evento,  Donato De Stena per l’alacre supporto logistico e i volontari locali Miriam Antinoro, Elisa Mallia, Elisa Nigrelli, Davide Piazza, Chiara Castiglione, CarmeloButtaci e Luciana Palermo, che hanno supportato vari momenti del festival con dedizione, passione e attenzione. I volontari ESC del progetto Summerise che hanno gestito le attività estive coi bambini, hanno dato un’impronta multiculturale e internazionale al festival, rendendolo una festa europea. Vera e Laureano sono stati al centro di un importante momento dedicato alla promozione della pace in Ucraina. Artisti, tecnici e sponsor che hanno ncontributo in modo fondamentale per lo svolgimento dell’evento”.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3 / 5. Vote count: 2

Vota per primo questo articolo

Condividi