Home Cronaca Voleva spillare soldi a un panettiere, scattala la trappola: arrestato

Voleva spillare soldi a un panettiere, scattala la trappola: arrestato

667 views
0

Caltanissetta – In tutti i modi avrebbe tentato di spillargli soldi. Fino a sostenere per le sue «condizioni di salute non gli avrebbero fatto nulla a livello giudiziario e che poteva tranquillamente uccidere anche delle persone perché non aveva più niente da perdere».

Ma la vittima del ricatto, un panettiere nisseno, piuttosto che piegarsi al volere dell’altro, si è presentato alla polizia per denunciare le pressioni subite da giorni.

E adesso il sospetto estorsore, il settantunenne nisseno Salvatore Giardina, è stato arrestato per estorsione aggravata, detenzione illegale di munizionamento e violazione della normativa sugli stupefacenti.

L’uomo avrebbe preteso 2 mila euro. E per tentato di essere più convincente, in un’occasione avrebbe mostrato al panificatore anche una pistola semiautomatica cromata tenuta all’interno della cintola del pantalone.

Così, nel momento in cui la vittima delle presunte richieste estorsive s’è presentata in questura, è stata preparata la trappola.

Già, perché sono state segnate alcune banconote che il commerciante doveva consegnare all’estorsore, come acconto, all’ora e nel posto stabiliti.

Gli agenti della squadra mobile si sono appostati in zona per documentare la consegna dei soldi. E poco prima di mezzogiorno le telecamere della polizia hanno immortalato la consegna di soldi tra i due.

Giardina, seduto dentro la sua auto, riceveva una busta da parte dell’estorto che, invece, si trovava in piedi fuori dalla sua panetteria.

A quel punto i poliziotti sono entrati in azione per arrestare il settantunenne. Poi, durante una perquisizione in casa sua, gli agenti hanno munizioni, un kit per pulire armi e un bilancino di precisione. Ora Giardina è rinchiuso in una cella del carcere Malaspina.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi