Home Cronaca «Non ho ucciso per vendetta e non sono io il killer», boss...

«Non ho ucciso per vendetta e non sono io il killer», boss nega le accuse 

607 views
0

Vallelunga – Lui, il presunto boss, ha negato le accuse. Contestando quella tesi che lo avrebbe voluto come esecutore materiale di un delitto per vendicare l’uccisione del padre.

Un omicidio – quello del barista gelese Giuseppe Failla – a cui il capomafia vallelunghese «Piddu» Madonia – per l’accusa – avrebbe fornito il placet e che il sancataldese Cataldo Terminio avrebbe portato a compimento.

E lui, Terminio, s’è difeso a muso duro mettendo in discussione le dichiarazioni rese dall’ex collaborante sancataldese Leonardo Messina. E la difesa ha pure chiesto la produzioni di verbali dello stesso Messina con dichiarazioni rese ai magistrati nel 1992 e nel 1994 e al maxi processo Leopardo.

Il presunto sicario, rendendo dichiarazioni spontanee, ha respinto totalmente il teorema accusatorio che lo ha trascinato alla sbarra insieme, oltre a Madonia, all’ex capo della famiglia di Cosa nostra di Caltanissetta, Angelo Palermo e il gelese Angelo Bruno Greco – difesi dagli avvocati Sergio Iacona, Flavio Sinatra, Cristina Alfieri, Giuseppe Piazza ed Eliana Zecca – tirati in ballo ognuno con un proprio ipotetico ruolo.

I familiari di Failla, ucciso nell’ottobre di trentaquattro anni fa  – assistiti dall’avvocato Giovanni Bruscia –  sono parti civili

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi