Home Cronaca Falsi sgravi fiscali, processo a un professionista

Falsi sgravi fiscali, processo a un professionista

396 views
0

Gela – Prima svolta in un braccio della  maxi inchiesta sulle cosiddette  false compensazioni. Indagine che, nella sua globalità, ha coinvolto decine d’indagati.

Ma in questa prima tranche  è già approdata in aula. Per il giudizio immediato che interessa adesso il professionista gelese Rosario Marchese – per i magistrati  peraltro vicino al clan Rinzivillo – ritenuto l’anima dell’intero sistema smascherato dalle indagine.

V’è in itinere una seconda tranche assai più consistente nei numeri. Ma quella è una parentesi che ancora deve approdare in udienza preliminare.

Tantissime le ditte compiacenti che avrebbero fatto ricorso al sistema che sarebbe stato ideato da Marchese – così ha ritenuto l’accusa – per raggirare l’erario.

Il sistema smascherato dagli inquirenti sarebbe quello legato alle cosiddette false compensazioni fiscali.

Più in dettaglio – è l’impianto accusatorio –  il meccanismo avrebbe ruotato attorno a investimenti, ritenuti inesistenti, in aree svantaggiate.

Così parecchie aziende, perlopiù del nord, avrebbero beneficiato di sgravi fiscali di cui, in realtà, non avrebbero dovuto assolutamente godere.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Consentici di continuare a garantire il diritto di sapere quello che gli altri non ti dicono. Sostienici!

Con bonifico bancario, anche online, intestato ad:  Associazione “Castello Incantato”  CODICE IBAN IT68T0897583380000000011400 (Bcc “San Giuseppe Mussomeli" - causale: donazione liberale per castelloincantato.it).

CON PAYPAL O CARTA (clicca sotto)

Condividi