Home Politica Sutera, botta e risposta tra maggioranza e opposizione

Sutera, botta e risposta tra maggioranza e opposizione

615 views
0

Sutera. Continua il fitto botta e risposta, fra la neo insediata amministrazione Catania e il gruppo di minoranza, da entrambe le parti affidato agli organi di stampa che, a parere del già citato gruppo di minoranza, sarebbero entrati nel calderone degli insulti che “il sindaco ha riservato alla passata amministrtazione, preso com’è da una irrefrenabile voglia di attaccare l’opposizione, accusando la stessa di intrattenere rapporti epistolari con la stampa appunto. Un diritto legittimo questo”, sempre a parere della minoranza, “atto a garantire la democrazia e la libertà di parola che, pertanto, dimostra tutta l’infondatezza della critica”. Diversi i punti che, in quell’occasione, sono stati posti in essere dalla replica al sindaco, quali, la mancata comprensione della loro osservazione circa la causa del segretario comunale che, “lungi dal criticare la legittimità amministrativa della nomina, ha voluto evidenziare la linea della scelta in netta ed evidente contraddizione con quanto propagandato in campagna elettorale. Fatto questo altresì aggravato dalla infelice, nonchè offensiva, affermazione circa ‘qualche euro in più nel portafoglio’, ritenuta perlomeno inopportuna in un periodo storico in cui molti cittadini non riescono a mettere insieme il pranzo con la cena”. Tuttavia, “preso atto che le somme rinvenienti dall’aumento dell’indennità serviranno per l’agosto suterese”, sempre il gruppo si dichiarava illo tempore “in attesa di leggere il rendiconto per verificare la veridicità di quanto affermato verbalmente”. E ancora accusava il sindaco di “continuare a creare confusione sulle tariffe della Tari, non si sa se volontariamente o per spicciola sciatteria amministrativa, opzione quest’ultima supportata dalla mancata erogazione del contributo di 25.000,00 euro per le aree interne, sulla cui questione peraltro si erano chieste spiegazioni senza tuttavia ricevere risposta alcuna”. E, in sede di consiglio, sarebbe “passata inosservata la richiesta del consigliere Salamone di rispettare un minuto di silenzio per le vittime dei nubifragi”. Questo lo stato dell’arte della questione al 12 agosto scorso. Ad oggi invece, sempre per lo stesso dovere di cronaca che investe gli organi di stampa, la risposta del sindaco, Giuseppina Catania, all’interrogazione, ex art. 13 Regolamento comunale per il funzionamento del consiglio comunale di Sutera del 18.08. 2023, ai consiglieri del gruppo di minoranza. “L’amministrazione comunale che ho l’onore di guidare ha ereditato numerose criticità, situazioni che hanno limitato le prime scelte del nostro mandato aministrativo. Purtroppo dai post e dagli articoli di stampa che i consiglieri di minoranza pubblicano frequentemente emerge la volontà di diffondere notizie parziali e pretestuose, informazioni utili solo ad evidenziare la loro insofferenza verso una compagine voluta fortemente da gran parte dei suteresi. Il nostro consiglio rimane quello di verificare la veridicità delle loro affermazioni onde evitare le loro solite magre figure! Scrivere che Sutera non ha aderito a “Borghi Fest 2023” e insinuare che non è tra le priorità di questa aministrazione incrementare il turismo del nostro comune non è solo una notizia falsa, è anche una notizia diffusa solo per una irrefrenabile necessità di criticare. Ci chiediamo come mai non hanno riportato alla stampa che nel bilancio da noi ereditato e non approvato, la precedente amministrazione aveva lasciato solamente 2.500 euro destinati ad eventi culturali e ludici, solo 2.500 euro per per organizzare eventi capaci di essere attrattivi. Mi spiego meglio: questi 2.500 euro erano le uniche somme disponibili per approntare l’agosto suterese, aderire a ‘Borghi fest 2023’ e pagare la quota di partecipazione di 1.900,00 euro. Vogliamo sottolineare oltre all’aspetto economico già illustrato, dal punto di vista legale per l’organizzaziomne del Festival in questione ci sarebbe voluto la commissionme comunale di vigilanza locali pubblico spettacolo, necessaria per qualsiaisi evento che preveda la vendita di biglietti. Commissione che non è stata istituita ma necessaria anche negli anni passati, indispensabile anche lo scorso anno in occasione del festival “Borghi Fest 2022″. L’amministrazione Catania non avrebbe avuto il tempo di istituirla, pertanto con rammarico si è dovuto rinunciare all’evento ma si è provveduto a informare l’associazione competente della volontà di rimanere all’interno della stessa specificando che ottempereremo a versare la quota di adesione una volta approvato il bilancio. Il direttivo ha risposto positivamente. Nasce spontanea la domanda su come si sia potuto organizzare l’evento negli anni passati. I consiglieri di minoranza dovrebbero spiegarci come ha operato la precedente amministrazione senza ottemperare alle norme previste dalla legge, regolamentate dalle apposite circolari. Le scelte fatte in passato sono espressione di una condotta diversa da quella che questa compagine vuole applicare. Dunque invitiamo i consiglieri di minoranza a chiedere agli amministratori le logiche di certe scelte così da evitare discorsi sterili e polemiche inutili sui social”, così la nota del sindaco.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi