Home Cronaca Stipulavano contratti d’affitto e di lavoro con immigrati privi di permesso di...

Stipulavano contratti d’affitto e di lavoro con immigrati privi di permesso di soggiorno, in 25 denunciati dalla polizia

483 views
0

Stipulavano contratti d’affitto e di lavoro con immigrati privi di permesso di soggiorno. E alla fine in venticinque, del Nisseno, sono stati denunciati dalla polizia. È attraverso accertamenti che la polizia ha appurato che un gruppo di stranieri, entrato regolarmente in Italia per chiedere il riconoscimento della cittadinanza italiana per discendenza ,  sarebbe rimasto illegalmente sul territorio italiano oltre il termine massimo consentito. Ma non è tutto. Sì, perché avrebbero pure stipulato contratti di locazione e di lavoro, pur essendo privi di permesso di soggiorno. Sarebbero potuti rimanere sul territorio italiano per non più di novanta giorni. Ma alla scadenza di questo periodo non sono riusciti ad ottenere la cittadinanza, così da rimanere privi di permesso di soggiorno. Tuttavia, per prolungare la permanenza avevano presentato istanze per il rilascio di permessi di soggiorno per motivi di lavoro, ma senza averne alcun diritto, perché non in possesso di visto d’ingresso per motivi di lavoro e perché impossibilitati a concludere contratti lavorativi sul territorio italiano. Gli stranieri, però, sono rimasti illegalmente nel Nisseno stipulando contratti di locazione e di lavoro, pur essendo privi di permesso di soggiorno. In tal senso i vertici della  questura hanno sottolineato che «quando si stipulano contratti d’affitto o di lavoro con cittadini stranieri è necessario verificare se gli stessi siano in possesso del permesso di soggiorno, in quanto la legge punisce con la reclusione da sei mesi a tre anni chiunque a titolo oneroso, al fine di trarre ingiusto profitto, dia alloggio ovvero ceda, anche in locazione, un immobile ad uno straniero che sia privo di titolo di soggiorno al momento della stipula o del rinnovo del contratto. La stessa pena si applica anche al datore di lavoro che impiega uno o più lavoratori stranieri privi di regolare permesso di soggiorno».

Da qui la pioggia di denunce, venticinque in tutto, da parte dell’ufficio immigrazione della questura di Caltanissetta.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 2

Vota per primo questo articolo

Condividi