Home Cronaca A Marianopoli intitolazione del campo sportivo a capitan Gaetano Fiorella

A Marianopoli intitolazione del campo sportivo a capitan Gaetano Fiorella

372 views
0

MARIANOPOLI – A “Capitan Fiorella” la giunta comunale di Marianopoli guidata dal sindaco Salvatore Noto, su proposta dell’assessore comunale allo Sport Salvatore Genco, ha deciso di dedicare l’intitolazione del campo sportivo di Marianopoli, proprio in quel campo di gioco che amava tanto. Morto a soli 34 anni lo scorso 26 febbraio a seguito di un malore, Gaetano Fiorella ha lasciato una traccia indelebile a Marianopoli e in tutti coloro che lo hanno conosciuto. Dopo nemmeno 9 mesi da quel tragico evento,” l’avvio dell’iter necessario per porre atto all’intitolazione dello stadio è un modo per farlo restare in mezzo a noi”. Un bellissimo gesto quello dell’amministrazione comunale, l’intitolazione dello stadio è voluta da tutti a Marianopoli, giovani, amici e soprattutto compagni di squadra. Amatissimo dai suoi compagni, rispettato e stimato dagli avversari, visto come un esempio di rettitudine e sportività, Fiorello è stato la bandiera calcistica del Marianopoli, dove ha militato per quasi un quarto di secolo, tranni due brevi esperienze a Santa Caterina e Villalba. Era un ragazzo conosciutissimo a Marianopoli, estroverso e amico con tutti, sempre sorridente e gioviale, che, pur nella sua breve vita, ha saputo farsi amare. Il Marianopoli calcio non è ancora riuscito ad omaggiare il proprio capitano come avrebbe voluto a causa della pandemia e la sospensione del campionato. La sua maestosa gigantografia è ancora conservata e, dopo la morte avvenuta a febbraio, il Marianopoli non ha più giocato una partita ufficiale in casa. Quest’anno, dopo l’esordio a Castronovo, il 25 ottobre la partita di Seconda Categoria Marianopoli-Atletico Licata è stata rinviata per dei casi di covid tra i licatesi, e quello stesso giorno è arrivata la sospensione del calcio dilettantistico. Alla ripresa del torneo la prima partita in casa il Marianopoli la giocherà proprio in quello stadio che si vuole intolare a Gaetano Fiorella. Perchè, come spiegato nella delibera, “Gaetano ha rappresentato per tutti coloro che lo hanno conosciuto un punto di riferimento umano e sportivo. Giocatore leale, trascinatore combattente, sempre pronto a donare un sorriso a chi lo incontrava. La sua prematura scomparsa ha profondamente turbato la comunità legatissima al giovane concittadino/calciatore. L’intitolazione del campo sportivo, un semplice gesto di rispetto per Gaetano, per la sua famiglia e per quanti lo hanno conosciuto, rappresenta un modo per far rimanere Gaetano in mezzo a noi, proprio in quel campo di gioco che amava tanto”. Un destino assurdo e beffardo quello di Fiorella, che lo scorso 19 giugno avrebbe dovuto sposare la sua Ilaria. In campo era un difensore centrale vecchio stampo, con il “vizio” del gol, e con i calci di punizione ed il suo chirurgico sinistro, il … marchio di fabbrica.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3 / 5. Vote count: 2

Vota per primo questo articolo

Consentici di continuare a garantire il diritto di sapere quello che gli altri non ti dicono. Sostienici!

Con bonifico bancario, anche online, intestato ad:  Associazione “Castello Incantato”  CODICE IBAN IT68T0897583380000000011400 (Bcc “San Giuseppe Mussomeli" - causale: donazione liberale per castelloincantato.it).

CON PAYPAL O CARTA (clicca sotto)

Condividi