Home Cronaca Beni in odor di mafia, scatta confisca da 8 milioni su richiesta...

Beni in odor di mafia, scatta confisca da 8 milioni su richiesta della Dda di Caltanissetta

613 views
0

Pietraperzia – È di otto milioni di euro il valore di un tesoro sospetto confiscato dal tribunale di Caltanissetta. Il provvedimento è stato emesso dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Enna, su richiesta della procura distrettuale di Caltanissetta.

Un patrimonio appartenuto a Felice Cannata, ritenuto appartenente alla criminalità organizzata ennese. Sul suo capo pende già una condanna per associazione mafiosa.  Sentenza divenuta definitiva l’11 novembre 2015 e che ha sancito la sua appartenenza alla famiglia mafiosa di Pietraperzia, facendolo ritenere dai giudici socialmente pericoloso.

È un profondo squilibrio tra capacità reddituale della famiglia Cannata e i beni posseduti che, peraltro, ha fatto accendere i riflettori su questo scenario. Troppo ampia la forbice, secondo gli investigatori soprattutto dal Duemila in avanti. Irregolarità scoperte attraverso una intricata e complessa serie di riscontri telematici.

La misura patrimoniale, infatti, adesso, ha interessato qualcosa come 77 terreni nel Nisseno e nell’Ennese, undici fabbricati tra Caltanissetta, Pietraperzia, Inzago e Pozzuolo Martesana nel Milanese, un’azienda agricola e poi diversi beni  mobili e conti correnti.

Da qui le indagini che avrebbero poi consentito di scoprire – almeno secondo la tesi degli inquirenti – che lo stesso Cannata avrebbe reimpiegato capitali sporchi, investendoli  in attività di compravendita di auto di grossa cilindrata. Poi il suo coinvolgimento nell’inchiesta ribattezzata «Triskelion» a cura della guardia di finanza di Caltanissetta. E al termine di questo procedimento, otto anni fa, è arrivata la condanna poi divenuta definitiva.

In questo scenario complessivo è poi scattata l’indagine patrimoniale da parte delle fiamme gialle, sotto il coordinamento delle Dda nissena, che ha portato alla  luce lo squilibrio tra possedimenti e redditi dichiarati.

In tal senso, peraltro, già nel gennaio di cinque anni fa la Dda nissena ha chiesto al tribunale un provvedimento di sequestro dei beni. Gli stessi adesso confiscati.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi