Home Eventi CISOM: conferite le medaglie, insigniti anche i mussomelesi Vincenzo Profita e Saverio...

CISOM: conferite le medaglie, insigniti anche i mussomelesi Vincenzo Profita e Saverio Sciarrino

1.114 views
0

Mussomeli – Sabato 24 luglio, sono state conferite presso Palazzo delle Aquile, prestigiosa sede del Comune di Palermo, le medaglie “Aiuto ai Rifugiati” da parte del Sovrano Militare Ordine di Malta ai volontari del CISOM (Corpo Militare di Soccorso dell’Ordine di Malta) che hanno svolto attività di ricerca e soccorso nel Canale di Sicilia a bordo delle motovedette della Guardia Costiera e della Guardia di Finanza durante gli sbarchi nei porti siciliani. Due i cittadini mussomelesi che sono stati insigniti dell’onorevole riconoscimento: Vincenzo Profita, Responsabile CISOM, gruppo di Caltanissetta e il dott. Saverio Sciarrino, responsabile dell’UOC di Medicina Generale dell’Immacolata Longo. Inoltre, sono stati consegnati attestati, rilasciati dalla Direzione Nazionale della Fondazione CISOM, ai volontari che, durante la pandemia, hanno svolto, a vario titolo, servizio anti Covid 19. Tra questi: la dott.ssa provvidenza Castronovo, l’infermiera Carmelina Dilena, la sig.ra Maria Scannella ed il Capogruppo Vincenzo Profita che, nella fattispecie, ha ricevuto anche le medaglie di lungo servizio 5-10 anni. La cerimonia si è svolta alla presenza di numerose autorità, dal Delegato del Sindaco di Palermo, dott. Paolo Caracausi, al Delegato dell’Ordine di Malta della Sicilia occidentale, Barone Vincenzo Calefati di Canalotti. “… Nel dedicarsi agli ultimi non si guarda il colore della pelle, non gli si chiede il credo a cui appartengono e neanche il perchè scelgono di rischiare la vita abbandonando la loro Patria. Nei loro volti il volontario intravede la disperazione e la sofferenza di ognuno… Soccorrere i migranti in mare o accudirli durante gli sbarchi non è solo un dovere morale ma un vero atto d’amore…” Questa in sintesi l’accorata testimonianza di Vincenzo Profita, da sempre impegnato in attività umanitarie, creative e socio-assistenziali. Mentre le parole del dott. Saverio Sciarrino ci riportano a quella che “è stata la missione più impegnativa e indimenticabile” ossia “quella compiuta la notte tra il 16 e il 17 agosto a 70 miglia da Lampedusa. In quella occasione abbiamo messo in soccorso 196 Eritrei e Somali tra cui 9 bambini di poco più di un anno, ammassati su un gozzo genovese di piccola stazza. Abbiamo provveduto al trasbordo sulle nostre motovedette di 16 extracomunitari in condizioni cliniche precarie. Mentre gli altri sono saliti a bordo di una nave ammiraglia con direzione Catania. Indimenticabile! Si stima che siano 308 i migranti messi in salvo durante le missioni all’interno del Canale di Sicilia.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3 / 5. Vote count: 2

Vota per primo questo articolo

Condividi