Home Cronaca Comitiva di mussomelesi a Misano per salutare Valentino Rossi, uno di loro...

Comitiva di mussomelesi a Misano per salutare Valentino Rossi, uno di loro elude la sorveglianza e scorta “the doctor”

3.145 views
0

Mussomeli – A Misano Adriatico, domenica scorsa,  per l’estremo saluto sportivo al loro idolo, il nove volte campione del mondo alias “the doctor” Valentino Rossi. E, nella foga del delirio, c’è stato pure chi gli ha strappato un abbraccio. Una quindicina in tutto, i fans mussomelesi in trasferta a Misano Adriatico per l’ultimo Gran Premio in Italia del pluripremiato campione. I più si sono cimentati in un avventuroso viaggio su due ruote -per le due ruote- qualche altro ha preferito l’aereo. Ma la meta li ha riuniti tutti, di fronte alla passione per l’idolo di tante generazioni, a cui spetta il merito di aver dato un tocco di colore e brio ad un ambiente apparentemente grigio e -forse- ritenuto strettamente di nicchia . “Indescrivibile l’emozione che, sono sicuro, rimarrà unica nella mia vita”. Così ha commentato Francesco Di Piazza, ancora frastornato per i trascorsi, mentre ricostruisce, tra il serio e il faceto, le dinamiche che lo hanno portato all’interno della pit lane. Dove neppure la scorta del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, è stata fatta entrare. Di Maio, infatti, ha premiato il pilota come icona del Made in Italy, insieme alla sottosegretaria Valentina Vezzali e al presidente della Regione Stefano Bonaccini. Trovato il momento opportuno, con la sfrontatezza che di certo non gli manca, Francesco è riuscito ad eludere ogni forma di controllo e… praticamente si è “intrufolato” in quello spazio che è frequentabile solo dalla scuderia. Su cosa avrà pensato il pilota più carismatico del Motomondiale del misterioso personaggio che si è trovato di fronte… davvero non ci è dato sapere! Certo è che ha reso memorabile un istante, sotto lo sguardo incredulo di quanti dalla tribuna stavano ad osservare. Tanti che hanno riempito un aereo per seguire il loro idolo fino all’ultimo. Rossi, dal canto suo, li ha ripagati disputando una discreta gara che gli ha fatto guadagnare il decimo posto in classifica. Abbattere i muri… qualche volta si può. Osando!

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 4 / 5. Vote count: 17

Vota per primo questo articolo

Condividi