Home Cronaca Due incendi a scopo estorsivo, arrestato il sospetto attentatore

Due incendi a scopo estorsivo, arrestato il sospetto attentatore

446 views
0

Caltanissetta – Sarebbe l’autore di due attentati incendiari ai danni di un panificatore. Queste le contestazioni che hanno fatto scattare a suo carico una ordinanza di custodia cautelare.

Provvedimento adottato neo confronti di un quarantaduenne gelese, S.C., per due episodi incendiari legati a una tentata estorsione aggravata.

Secondo la polizia, l’arrestato in due circostanze avrebbe danneggiato l’attività commerciale dell’altro. Una prima volta, scorso novembre, sarebbero stati utilizzati benzina e gas. Così da provocare il

danneggiamento della base in marmo dell’ingresso, la rottura della vetrata per via del forte calore provocato dalle fiamme e l’annerimento della saracinesca e delle pareti all’interno del panificio per il fumo.

Pochi giorni dopo la scena si è ripetuta. In questo caso è stato incendiato un materasso su cui è stata poggiata una bombola di gpl, così da fare rischiare una tremenda esplosione.

Le indagini si sono poi catalizzate sul quarantaduenne sulla base della ricostruzione effettuata dalla polizia. Già perché la vittima di attentati ha riferito che nei giorni precedenti aveva ricevuto richieste da parte dell’altro. Prima avrebbe chiesto prodotti per avviare una propria attività di panificazione. Poi, nei giorni successivi, avrebbe voluto affittare al panettiere un suo locale, per spostarvi l’attività commerciale e, in più, avrebbe pure tentato d’imporre la sua assunzione. Ma l’esercente non ha ceduto a nessuna di queste richieste.

La coincidenza tra questi rifiuti e gli attentati subiti ha indotto la polizia a catalizzare subito i sospetti sul  quarantaduenne. Indagini e immagini girate da impianti di videosorveglianza della zona in questione, avrebbero finito per incastrare il presunto autore degli attentati

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi