Home Cronaca «Falsi braccianti e truffa all’Inps», sconto di pena a un imprenditore e...

«Falsi braccianti e truffa all’Inps», sconto di pena a un imprenditore e prescrizione per altri 64 imputati

1.150 views
0
Caltanissetta – Cadono nel vuoto le accuse mosse a un nutrito drappello d’imputati. Non perché ora in appello siano stati assolti ma, piuttosto, perché ormai è trascorso troppo tempo perché la giustizia potesse fare il suo corso.

Solo per uno di loro, ritenuto l’«anima» dell’inchiesta, è arrivata la condanna seppur con un considerevole sconto di pena rispetto al primo grado del giudizio.

A beneficiarne è stato l’imprenditore quarantaseienne di Riesi, Massimo Franco Maurici –  assistito dagli avvocati Giacomo Vitello e Carmelo Terranova – che s’è visto ridurre la pena a 2 anni e 3 mesi di carcere  contro i sei anni rimediati al termine del primo grado del giudizio.

Per altri sessantaquattro imputati, invece, è arrivata la prescrizione. A cominciare dal trentenne romeno Ciprian Corneanu (assistito dagli avvocati Giovanni  Maggio e Gabriella Giordano –  che nel precedente passaggio in aula è stato condannato a cinque anni e dieci giorni.

Non luogo a procede, sempre per intervenuta prescrizione per Carlo Perotti,  Ignazio Cardizzone, Francesco e Pasquale Sortino,  Maurizio e Salvatore Barberi,  Roberto Salvatore Chiantia,Giuseppe Brucculeri,  Anthony Calabrese,  Simona Collodoro,  Gaetano Arturo Campisi,  Sonia Chiara,  Gaetano Sciarrino,  Giuseppina Coniglio, Angelo Pistone,   Pierino Costantino,  Nunzio Cusenza,  Enrico Puzzanghera,Carmelina Di Buono,  Emanuele Di Girolamo,  Calogero Di Legami,  Marian Cretu,  Salvatore Fiandaca, Francesco Di Termini,  Angelo Bombara,  Rocco Ficicchia,  Antonino Fiorenza,  Rosario Giambusso,  Vincenzo Guaia,  Borys Kobylyanskyy,  Rocco Lo Stimolo,  Luigi Lauria,  Gaetano Liperni,  Francesca Lo Coco,  Salvatore Margiotta,  Angela Nicotra,  Giuseppe Viola , Gaetano Piccadaci,  Francesco, Gaetana e Gaetano Pistone,  Claudia Podariu,    Salvatore Scaffine,  Giuseppe Spicuzza,  Maria Catena Valido,  Rosanna, Salvatore e Silvana Giuseppina Vasapolli,  Sarina Vanessa Vasta,  Antonella Nunziata Verdura,  Gaetano Giuseppe Vitale,  Salvatore Bilardi,      Gaetano e Rosario De Bilio,  Anna  Maria Fantauzza,    Angelo Strano,  Anna Maria Usai,  Franca Valido,  – che erano stati tutti condannati a un anno a testa – Daniele Fantauzza, Giuseppe Anzaldi, Rosario Spicuzza, Giuseppe Cammarata, Marco Mercadante e Giuseppe Siculiana, condannati in primo grado a un anno e tre mesi ciascuno.

Truffa all’Inps e falso le contestazioni mosse a carico degli imputati – difesi dagli avvocati Vincenzo Vitello, Antonio Impellizzeri, Adriana Vella, Giada Faraci, Mirko La Martina, Isabella Costa, Dario Giambarresi, Margherita Genco, Giovanni Sanfilippo, Sergio Anzaldi, Michele Ambra, Donatella Baglio Pantano, Gaetano Giunta, Angelo Cafà, Dario Giambarresi, Maria Campo, Mario Minnella  Marcello Spiaggia, Giovanni Mavilla, Giuseppe Puzzanghera, Rosa Pilato, Ornella Crapanzano, Valeria D’Amico –  che sono stati adesso processati dalla corte d’Appello di Caltanissetta.

Secondo il teorema accusatorio sarebbero stati fatti risultare decine di contratti di lavoro come braccianti agricoli, per poi incassare soldi dall’Inps tra indennità di disoccupazione agricola semplice, malattia, maternità e assegni familiari. E parte di quei quattrini, per gli inquirenti sarebbero finiti nelle tasche dei presunti ideatori della presunta truffa. In quattro anni, tra il 2010 e il 2014 – per l’accusa –  avrebbero truffato l’Inps per oltre 800 mila euro.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi