Home Cronaca Il canale dello youtuber mussomelese Salvatore Favata supera 4 mln...

Il canale dello youtuber mussomelese Salvatore Favata supera 4 mln di visualizzazioni. L’intervista

3.377 views
0

Mussomeli – Salvatore Favata, 60 anni, sposato e youtuber mussomelese ha raggiunto un risultato non da poco: i video del suo canale (https://www.youtube.com/@tutuzzu) sono stati visualizzati oltre 4 milioni di volte.  Gli abbiamo rivolto qualche domanda

D. Come e quando hai iniziato con la videocamera?

R. Per caso. Un grazie devo dirlo anche voi, nel 2007, infatti,  sono stato coinvolto e ho collaborato per 5 anni con castelloincantato.it. Così mi sono definitivamente appassionato ai filmati, un hobby  che è diventato sempre più intenso e che avevo iniziato a praticare, seppur saltuariamente, nel 1990. Mentre con le foto ho cominciato ancora prima, da bambino, con la pellicola.

D. E come youtuber?

R. Ho aperto il canale con lo pseudonimo di tutuzzu nel 2007,  senza seguirlo più di tanto;  solo dal 2016 ho iniziato a fare documentari e immortalare feste, eventi e spettacoli di Mussomel e dei paesi vicini. Le visualizzazione e le iscrizioni sono salite. Oggi ho  8250 iscritti  e miei video hanno registrato oltre 4 milioni di visualizzazioni. Dalle statistiche emerge che ogni giorno circa 3mila persone i da tutto il mondo vedono i miei filmati

D. Qual è il video più popolare?

R. E’ uno spettacolo del comico  Litterio che ha superato le 360mila visualizzazioni. Poi ci sono degli eventi del duo Toti e Totino, diciamo che i cabaret e gli eventi musicali sono quelli che attirano di più.

D. E’ una professione?

R. Non per me, io lavoro. Per vivere con You Tube occorrono milioni di visualizzazioni al giorno. Io con quello che prendo ora posso pagarmi poco più di un caffè al giorno.

D. Però  sogni di trasformarlo in una professione?

R. Ovvio che non mi dispiacerebbe ma sono consapevole che è un desiderio quasi irrealizzabile, soprattutto se non puoi dedicarti totalmente a questa attività. Però sono contento di dove sono arrivato, dei traguardi e dei numeri che ho raggiunto. Impensabili per me anche solo qualche anno fa, perché ho iniziato senza nessuna pretesa.

D. Quale e quanto conta l’attrezzatura?

R. Io ho una telecamera, un  telefono e un pc. Al giorno d’oggi basta uno smartphone, più che la tecnologia servono i contenuti.

D. Quali sono i tuoi preferiti?

R. I documentari di carattere storico che valorizzano i beni storico artistici di Mussomeli, realizzati grazie alla preziosa collaborazione dello studioso Michele Ognibene. Sono contento che la cultura abbia riscosso un notevole consenso e che i nostri video abbiano  attirato turisti.

D. Hai anche caricato parecchi video “storici”…

R. Si, grazie al compianto artista Peppe Piccica, fotografo e cameraman raffinato,  che mi ha affidato tutti i suoi filmati girati negli anni ottanta e novanta. Questo atto di generosità ha permesso che li pubblicassi e che si salvassero pezzi di storia di Mussomeli e dintorni ai tempi in cui foto e video erano davvero una rarità.

D. Cosa bolle nel tubo per il futuro?

R. Nell’immediato arrivare a quota mille video caricati, ad oggi sono 930. E poi pubblicare come ho fatto finora, senza prendermi troppo seriamente. Poi vorrei continuare con il progetto Happy, girato a Mussomeli ed Acquaviva, ed estenderlo ad altra paesi. Far crescere il canale con prodotti di qualità.  Magari, inaspettatamente, un giorno arriverà  la svolta.  Su Internet tutto può succedere.

 

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 4 / 5. Vote count: 5

Vota per primo questo articolo

Condividi