Home Cronaca Il Presidente Totino Saia denuncia “La vastasata convulsiva” dei rifiuti sulla...

Il Presidente Totino Saia denuncia “La vastasata convulsiva” dei rifiuti sulla Serradifalco a Montedoro

1.081 views
0

Bompensiere – E ora la polemica rifiuti di casa nostra  ha raggiunto anche le aree interne della nostra meravigliosa -almeno così si direbbe!- Sicilia. Dopo avere lambito le coste dell’estremo Sud con la diatriba mediatica a prestigiosa firma Lucarelli che ha visto  difensori ad oltranza dell’isola, da una parte, e  sostenitori della necessità di procedere verso un deciso miglioramento delle abitudini locali, dall’altra,  a lanciare l’allarme ora è Totino Saia. Il professionista, geologo di Bompensiere, paese di cui è anche Presidente del Consiglio, ha denunciato gli effetti del malcostume imperante, chiaramente visibili ed evidenti sulla SP 23, nello specifico lungo il tratto che congiunge Serradifalco a Montedoro. Ad onor del vero, bisogna dire che la questione non è nuova e già parecchi cittadini avevano lamentato lo stato di “indecenza” nel quale versano le cunette della carreggiata in questione. “La vastasata convulsiva” l’ha definita Saia “che si inserisce -ahimè- nel concetto teorico-criminologico delle finestre rotte”. Cosa questa che, a sua volta,   apre un varco su una questione di sconcertante attualità, il cosiddetto “fenomeno di emulazione”. E lo stato di degrado urbano, ed extraurbano -nella fattispecie- che connota lo spazio dell’abitato altro non sarebbe che la diretta -e funesta- conseguenza di tale contorto e controverso fenomeno. “Una diffusa inciviltà” che sta dipingendo i peggiori scenari all’interno di una cornice naturale anch’essa -ahimè!- brutalmente violentata.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 2.9 / 5. Vote count: 10

Vota per primo questo articolo

Condividi