Home Cronaca «Indusse alla corruzione», sconto di pena per un sottufficiale dei carabinieri

«Indusse alla corruzione», sconto di pena per un sottufficiale dei carabinieri

622 views
0

Caltanissetta – Sconto di pena per un sottufficiale dei carabinieri, mentre cadono le accuse per un commerciante. Così nel secondo passaggio in aula per una vicenda intricata.

Ma alla fine un maresciallo dei carabinieri, in servizio a Gela, è stato condannato a tre anni e nove mesi – erano quattro anni e mezzo in primo grado – per induzione alla corruzione.

Lo stesso, di contro, è stato assolto per peculato, rivelazioni di segreto d’ufficio, ricettazione di arma e falsa testimonianza. Mentre è arrivata la prescrizione per il presunto accesso abusivo a banche dati informatizzate.

Il commerciante, gelese pure lui, è stato assolto per l’ipotesi di falsa testimonianza. Il riferimento a questa imputazione, per il militare, era riferita proprio a una presunta deposizione che avrebbe favorito lo stesso negoziante.

Ma alla fine questa parte di contestazione non ha più retto. Di contro la procura generale e le parti civili, compreso il ministero dell’Interno, avevano chiesto la conferma del verdetto di primo grado.

Quello che, in tribunale, ha sancito sempre la colpevolezza del sottufficiale ma con una pena più severa rispetto, adesso all’appello e la condanna anche per l’altro imputato.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 2

Vota per primo questo articolo

Condividi