Home Cronaca La cattura dell’ultima primula rossa di Cosa nostra, le foto dell’arresto del...

La cattura dell’ultima primula rossa di Cosa nostra, le foto dell’arresto del boss Messina Denaro

1.057 views
0

Palermo – Finiti i trent’anni di latitanza dell’ultima primula rossa di Cosa nostra. Il boss Matteo Messine Denaro è stato arrestato a Palermo dai carabinieri del Ros.

È in una clinica privata, la Maddalena   dove si era presentato per sottoporsi a cure, che i reparti speciali dei militari lo hanno preso.

L’operazione è stata coordinata dal procuratore di Palermo, Maurizio De Lucia e dal procuratore aggiunto Paolo Guido.

Messina Denaro, ritenuto tra i mandanti delle stragi di Capaci e di via D’Amelio – nella veste di reggente . della provincia di Trapani – era ricercato dal lontano 1993 anche per associazione mafiosa mafioso, omicidio, strage, devastazione, detenzione e porto di materiale esplosivo, furto ed altro.

Su lui pendono decine di condanne al carcere a vita. A cominciare dalle stragi del ’92, Capaci e via d’Amelio, per l’uccisione del piccolo Giuseppe Di Matteo, figlio del pentito Santino, sequestrato nel novembre del 1993 e poi tenuto prigioniero per lunghissimo tempo fino a quando è stato strangolato e il corpo poi sciolto nell’acido.

E, ancora, su di lui le condanne per gli attentati messi a segno nel 1993 a Milano, Firenze e Roma, perché accusato di aver conservato in una cava del trapanese una parte dell’esplosivo usato per le bombe agli Uffizi di Firenze e alla chiesa di San Giorgio al Velabro a Roma.

Matteo Messina Denaro, figlio del boss Ciccio, fedelissimo di Totò Riina, è stato prima killer di fiducia dello stesso Riina e Bernardo Provenzano. E rapidamente, sempre sotto l’ala di Riina, avrebbe scalato i vertici di Cosa nostra divenendone il capo incontrastato dopo le catture, nell’ordine, di «Totò ‘u curtu» prima e «Bimmu» Provenzano poi.

Adesso, dopo trent’anni di latitanza e la terra bruciata che è stata fatta negli anni nella sua rete di protezione, è stato catturato dai carabinieri scrivendo un’altra importantissima pagina nella storia della lotta alla mafia

Le foto

 

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3 / 5. Vote count: 2

Vota per primo questo articolo

Condividi