Home Cronaca L’artista mussomelese Teresa Canalella fra i 31 finalisti a Cracovia per la...

L’artista mussomelese Teresa Canalella fra i 31 finalisti a Cracovia per la mostra “Viaggio in Sicilia”

2.824 views
0

Mussomeli – C’è anche l’artista mussomelese, Teresa Canalella, fra i 31 finalisti selezionati per la mostra “Viaggio in Sicilia” che si terrà a Cracovia, presso l’Istituto Italiano di Cultura, dal 12 al 30 giugno.

Sicilia e Sicilianità, all’interno di una koinè di culture differenti, saranno gli ospiti d’onore dell’esposizione, fortemente voluta dal direttore dell’istituto, Matteo Ogliari e organizzata da S.A.F. “Sicilian Artisan Foundation, presideduta dall dottore Giovanni Vallone. Un progetto nato come costola dell’associazione “Splendid Sicily”, il museo virtuale della creatività siciliana. S.A.F. nasce nel 2022, due anni dopo Splendid Sicily, con l’obiettivo ambizioso di preservare dall’oblìo l’artigianato siciliano d’eccellenza. Includendo, all’interno della categoria, un’ampia gamma di figure, dai ceramisti ai pittori, dagli scultori ai iutai, agli antichi mestieri.

Un “canale” d’eccellenza che non poteva e -di fatto- non ha potuto sfuggire all’occhio sveglio e attento di Teresa. Artista che può -invero- vantare un ampio bagaglio di conoscenze e una formazione eclettica d’alto profilo. Dal canto loro, gli organizzatori non si sono di certo lasciati sfuggire l’occasione. “E’ accaduto tutto per caso” -come avvengono sempre le cose importanti- riferisce, ancora in preda all’emozione, l’artista, nota, nel nostro paese -e non solo- come ceramista e insegnante ma anche come persona di altissimo spessore umano.

Formatasi all’Accademia, Maria Teresa Canalella ha perfezionato le attitudini, manifeste già in età giovanile, presso i più importanti laboratori specializzati nella produzione di ceramiche artigianali di Santo Stefano di Camastra e Caltagirone ma anche di Deruta e Urbania. Sempre convinta del valore terapeutico dell’arte, Maria Teresa ha voluto dare pregnanza scientifica al suo pensiero conseguendo il diploma di Arte Terapeuta presso la Scuola di Arte Terapia “Art Therapy”

Teresa è quella che, in ogni occasione,  mette sempre le cose a posto. Con garbo e pacatezza e con una nobiltà d’animo che fa grandi anche le sue creazioni. Le quali risplendono di un bagliore unico di colori, suoni ed emozioni.

La forza dirompente della sua “Trinacria” ha conquistato tutti e, nel giro di appena qualche giorno, ha frugato ogni dubbio che Teresa nutriva circa la selezione. “Sapevo che erano stati adottati dei rigidi criteri per la selezione delle opere da esporre e che i concorrenti eravamo tanti. Perciò ero davvero scettica sulla possibilità di una mia scelta. Ma l’idea mi affascinava troppo per desistere senza comunque provare”.

La sorpresa della conferma è stata un guizzo di felicità per chi era presente al momento della comunicazione. Gli occhi di Teresa brillavano per stupore e meraviglia.

La Trinacria che è stata dipinta in occasione di una performance alla quale l’artista ha partecipato con la Fidapa locale, porta l’ambizioso titolo di “Beddra”. E ancora più ambizioso è il progetto che reca in grembo. “Una Trinacria dall’aspetto molto accattivante… il volto di una donna molto bella, come bella è la nostra isola, ricca, ecco perchè i gioielli e le perle, come i tanti capolavori che la arricchiscono. Non mancano i serpenti, simbolo di molte culture e religioni, e le spighe di grano, simbolo di fertilità. Le diverse texture stanno a simboleggiare la diversità dei nostri paesaggi che rendono ancora più affascinante l’isola di Sicilia”. Questa la descrizione -per mano del’autrice- che accompagna l’opera: un piatto del diametro di 57 cm, pezzo unico del peso di 5 Kili e 1/2.

Per l’occasione a Cracovia, durante la prima settimana di esposizione, alla quale peraltero verrà dedicato un catalogo, sarà allestita una vera e propria Kermesse che ospiterà una serie di eventi collaterali.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 2.3 / 5. Vote count: 6

Vota per primo questo articolo

Condividi