Home Eventi Mussomeli, convivio tra gli architetti, presente il presidente provinciale dell’ordine

Mussomeli, convivio tra gli architetti, presente il presidente provinciale dell’ordine

1.107 views
0

Mussomeli – Ieri l’altro, martedì 17 gennaio, il presidente dell’Ordine degli Architetti di Caltanissetta, Piero Campa, insieme alla collega consigliera Rosetta Galiano, è stato ospite a Mussomeli di una nutrita rappresentanza di categoria. Il convivio -per iniziativa di Salvatore Rizzo- si è tenuto al ristorante Chichibio, peraltro progettato, a suo tempo, dallo stesso Rizzo. Numerosissimi i presenti, dai decani che hanno fatto -e continuano a fare scuola non solo sul territorio ma anche fuori- quali Alfonso Cardinale, Cris Nucera, Gianni Lanzalaco, ai nuovi battezzati come Nicola Sola -particolare caso di ingegnere-architetto, passando per i giovani -ma non per questo meno  affermati- Rino Bertolone, peraltro consigliere dell’Ordine, il già citato Rizzo, Gianni Geraci, Maurizio Messina, Filippo Mancuso, Massimo Cassarino, Antonello Morreale, Michele Schifano. Presenti anche Giuseppe Spera che sta conducendo la sua attività di ricerca universitaria e Santo Di Miceli, architetto votato alla fotografia, oltre a Loreto Ognibene ospite di Vallelunga. Non è stato solo il piacere della ritrovata convivialità -superata la fase più difficile della pandemia da Covid- ma la riscoperta di una comune appartenenza. “Dobbiamo costruire ponti” si è detto in apertura di serata, ironizzando sulle condizioni del presidente rimasto afono per via di un sopralluogo propedeutico alla progettazione di un viadotto. Le premesse per rilanciare le attività formative e culturali in presenza ci sono tutte. Già l’Ordine, in questo senso, ha dato prova di impegno e risultato grazie alle varie attività organizzate che hanno fatto registrare grande coinvolgimento degli iscritti. Anche Mussomeli -lo ricordiamo- lo scorso luglio è stata sede di uno degli eventi itineranti “La Fotografia della città contemporanea” promossa appunto dall’Ordine, in collaborazione con Di Miceli. Particolarmente soddisfatti gli organizzatori, Rizzo e Bertolone, per la numerosa partecipazione e per il riscoperto spirito di collaborazione e condivisione. “Progettare insieme si può”. “Nel solco e nella considerazione dei divesi approcci che pur richiedono i diversi territori, proprio perchè diversi”, così la consigliera Galiano che, in quanto donna, forse ha dalla sua quella spinta propulsiva all’aggregazione che vorrebbe far sì che l’architetto dismettesse quella veste di monade senza finestre ovverosia “un microcosmo nel macrocosmo”.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi