Home Cronaca Rave party nel nisseno scoperto sui social, l’intervento della polizia manda in...

Rave party nel nisseno scoperto sui social, l’intervento della polizia manda in fumo l’evento. Il video

525 views
0

Caltanissetta – Rave party nelle campagne di Mazzarino neutralizzato sul nascere. È monitorando i social che la polizia è riuscita a intervenire ancor prima che iniziasse.

A quell’appuntamento, come spesso accade, avrebbero potuto partecipare centinaia di giovani. Al momento dell’arrivo della polizia erano presenti una settantina di partecipanti in arrivo da tutta la Sicilia, dalla Liguria e dal Piemonte, arrivate con camper, autocarri e mezzi privati. Molti di loro erano già stati segnalati per avere partecipato ad altri rave party. E un altro centinaio sono stati fermati prima a posti di blocco.

È in contrada Raffo Rosso, nelle campagne del mazzarinese, che l’evento era stato organizzato. Ma gli agenti della squadra mobile e del commissariato di Niscemi, monitorando i social hanno scoperto che era stato organizzato il mega incontro a poca distanza dalla diga Cimia.

Nell’area interessata era già stato montato un palco con un impianto di amplificazione alimentato da gruppi elettrogeni e diverse tende da campeggio.

A quel punto è scattata l’operazione di sgombero e identificazione, disposta dal questore Emanuele Ricifari, a cui hanno preso parte una settantina di poliziotti, di cui quaranta della questura e trenta dei reparti mobili, oltre a pattuglie e numerosi militari dei carabinieri, pattuglie della guardia di finanza, unità dell’ispettorato ripartimentale delle foreste e personale e dei vigili del fuoco.

E per bloccare l’arrivo di altri partecipanti sono stati approntati posti di controllo in tutte le strade provinciali e statali che portano nella zona di Raffo Rosso, a cui hanno preso parte agenti del compartimento della polizia stradale di Palermo e di poliziotti delle questure delle province vicine, compreso un elicottero della polizia del quarto reparto volo di Palermo. I partecipanti sono stati scortati dalla polizia fino al limite delle provincie di Catania e Agrigento.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 1 / 5. Vote count: 2

Vota per primo questo articolo

Condividi