Home Cronaca Risolto dopo 3 anni il mistero dei resti umani trovati in una...

Risolto dopo 3 anni il mistero dei resti umani trovati in una diga, sarebbe un caso di pura bianca

1.035 views
0

Caltanissetta – A tre anni dalla scomparsa il mistero è stato risolto. Perché quei resti umani trovati in una diga, adesso, hanno un’identità. Le analisi eseguite dagli esperti del Ris di Messina hanno legato quelle parti di scheletro a Salvatore Mulè, scomparso da Camporeale il primo febbraio 2006.

Era il nipote di Rosario Mulè, detto «manuzza», indicato dagli investigatori come nell’orbita della cosca mafiosa di Camporeale e deceduto nel 2014.

Un probabile caso di lupara bianca, per gli investigatori del nucleo investigativo di Monreale «riconducibile ai trascorsi criminali di Salvatore Mulè e ai rapporti che lo legavano  ad esponenti della malavita organizzata». Uno possibile scenario su cui carabinieri e magistrati stanno indagando.

I resti umani sono stati ritrovati nella ex diga Garcia nel dicembre di tre anni fa. Un passante aveva avvertito i militari della presenza di parti di scheletro in quella zona. Così è subito scattata la macchina investigativa e quei resti sono stati recuperati per essere analizzati.

E quello che per anni è rimasto un rebus, adesso sembra avere trovato soluzione, prospettandosi come l’ennesimo caso di lupara bianca in tipico stile mafioso.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 2

Vota per primo questo articolo

Condividi