Home Cronaca Si è spento monsignor Campione, il ricordo della Diocesi

Si è spento monsignor Campione, il ricordo della Diocesi

739 views
0

Caltanissetta – Si è spento, all’età di 96 anni, monsignor Liborio Campione.  «Figura che ha scritto luminose pagine della storia diocesana del dopo-concilio», è il ricordo del vicario generale, don Onofrio Castelli.

Era nato a Caltanisetta il 25 luglio del 1925. All’età di quattordici anni, nel settembre 1939, è entrato in seminario. È stato ordinato sacerdote da monsignor Giovanni Jacono il 29 giugno del 1948 ma nella chiesa di Sant’Agata al Collegio, perché la Cattedrale era interessata da lavori dopo i danni provocati dalla guerra e per essere ampliata.

Dal 1951 al 1963 è stato parroco a Santa Barbara e a borgo Petilia. Il 1965 monsignor Francesco Monaco lo ha nominato rettore del seminario, ma già dal 1951 era stato direttore spirituale. Poi divenne canonico della cattedrale.

Sino ad oggi era il prevosto del capitolo. Con l’arrivo del vescovo Alfredo Maria Garsia divenne vicario generale e vicario per la pastorale, carica mantenuta sino al 2009. Per questo servizio generosamente profuso per tutta la diocesi tutti lo hanno potuto conoscere ed incontrare.

«Due tratti lo hanno caratterizzato in maniera profonda. Da un canto, il suo profilo spirituale che ne ha fatto un ottimo docente di teologia morale e spirituale, di sacramentaria ed ecumenismo, ed un predicatore e direttore spirituale molto ricercato. dall’altro canto il suo impegno nella promozione del laicato, traduzione di una riuscita recezione e meditazione dell’insegnamento del concilio Vaticano II», è il ricordo del vicario.

È stato per parecchi anni assistente dell’azione cattolica e di altre associazioni cattoliche ed aggregazioni laicali. Dal 1973 al 2018 è stato cappellano delle suore domenicane dell’Oasi Cristo Re.

Di recente è stato affetto dal covid che spezzato la sua già precaria salute.

«Era un uomo dalla spiccata sensibilità umana e spirituale, dall’alto livello culturale, moralmente integro, attento al mondo che lo circondava e al suo evolversi. Da innamorato di San Paolo VI amava ripetere con lui dilexi ecclesiam», è ancora il ricordo dedicato a monsignor Campione.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 4

Vota per primo questo articolo

Condividi