Home Cronaca Uccise la moglie con due coltellate, marito condannato all’ergastolo in Cassazione: dovrà...

Uccise la moglie con due coltellate, marito condannato all’ergastolo in Cassazione: dovrà pure risarcire i familiari di lei

214 views
0

Caltanissetta – Confermata la condanna all’ergastolo per un uxoricida. È stata la Cassazione, rigettando il ricorso dell’imputato, a blindare il verdetto rendendolo definitivo. E ribadendo il diritto a un risarcimento dei danni in favore dei familiari della vittima, così com’era stato disposto nei precedenti gradi del giudizio.

«Fine pena mai» per il quarantatreenne magazziniere di origini marocchine, Abdelfettah Jennati  che aveva impugnato  il precedente verdetto emesso dalla corte d’Assise d’Appello di Venezia, che lo aveva riconosciuto colpevole di omicidio aggravato e premeditato.

È stato ritenuto colpevole, senza più possibilità di replica, per l’uccisione della moglie, la trentenne Aycha El Aboui. Dovrà anche risarcire i familiari che vivono a Caltanissetta, ossia i genitori e quattro fratelli – assistiti dagli avvocati Dino Milazzo e Martina Vurruso e Massimo Schiavon tutore dei figli della coppia – secondo l’entità che verrà poi stabilita in un procedimento civile.

Così s’è chiusa questa terza e ultima parentesi processuale che ruota attorno al femminicidio che s’è consumato la notte del 24 novembre di quattro anni fa. Quando l’uomo ha inferto due coltellate fatali al petto di lei. La lama da trenta centimetri non le ha lasciato scampo. L’ha uccisa all’istante.

La donna, che avrebbe voluto liberarsi del marito, s’era già rivolta ai servizi sociali chiedendo aiuto. Poi un suo problema di salute aveva fatto slittare l’appuntamento già fissato con le assistenti sociali. Un secondo appuntamento non lo ha mai più avuto. Perché poi il marito l’ha finita con quelle due coltellate. Sì perché l’ha costretta a tornare in casa prendendo con lui i loro figli che, invece, la moglie, prima del ricovero ibn ospedale aveva affidato a un’amica. Quella è stata poi la trappola mortale.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi