Home Cronaca Villalba, ieri la presentazione della statua di San Giuseppe restaurata

Villalba, ieri la presentazione della statua di San Giuseppe restaurata

1.452 views
0

Villalba – Ieri si è tenuta la presentazione della statua di San Giuseppe dopo i lavori di restauro. I lavori durati quasi un anno hanno riportato l’opera nel suo antico splendore. La statua di Filippo Quattrocchi scultore siciliano vissuto nel XVII secolo, risale al 1775 circa. Il restauro è avvenuto per mano della ditta Tra Art Restauri di Giuseppe Inguaggiato (Gangi, PA), con l’autorizzazione della Soprintendenza di Caltanissetta.
Durante la fase dei lavori sono stati effettuati tutti gli interventi relativi al consolidamento dell’opera nonché la pulitura di tutti i 7 strati che nel corso del tempo si sono sovrapposti allo strato originale. Basti pensare che per la statua è stata, in tempo remoto, coinvolta in un incendio per il quale è stata ridipinta ma per fortuna sotto la strato bruciato c’erano ben conservati il penultimo e l’ultimo strato pittorico originale. San Giuseppe è stato, presumibilmente, commissionato dalla famiglia Palmieri, molto Devota al Santo di Nazareth. E definitivamente posta nell’altare della chiesa madre, nel anno 1840 cioè quando venne aperta al culto dopo la sua edificazione. I lavori sono stati commissionati dalla Parrocchia San Giuseppe di Villalba e dalla Confraternita di San Giuseppe che ha finanziato l’intervento e che custodisce l’opera la quale è motivo di tanta venerazione e devozione da più di due secoli da parte del popolo Villalbese. Un contributo è stato anche concesso da parte del Comune di Villalba e vari privati hanno voluto contribuire al lungo e costoso restauro. Soddisfatta la sindaca Maria Paola Immordino che precisa. “Plauso e gratitudine alla Confraternita di San Giuseppe determinante   per restituire un simbolo sacro e artistico in cui la comunità di Villalba si identifica. Un gesto dall’altissimo valore spirituale ed etico che rende onore ai confrati e al sodalizio religioso che si sono impegnati con caparbietà e senza risparmiarsi  in un’opera profondamente meritoria”.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi