Home Cronaca Abusava di moglie e figli, settantenne del Vallone condannato a 18 anni

Abusava di moglie e figli, settantenne del Vallone condannato a 18 anni

3.324 views
0

Mussomeli –Diciotto anni di carcere per aver abusato della sua ex moglie dei figlioletti. Sono stati inflitti a un ultrasettantenne che vive nel cuore del Vallone.

È stato il tribunale di Caltanissetta, presieduto dal giudice Francesco D’Arrigo – a latere i giudici Giuseppina Chianetta e Lorena Santacroce – a condannarlo.

Su lui pendevano le ipotesi di violenza sessuale aggravata ai danni di moglie e due figli, oltre che di maltrattamenti in famiglia.

In più, oltre alla perdita della responsabilità genitoriale, è stato pure condannato al pagamento di una provvisionale e al risarcimento dei danni in favore delle partici civili. In particolare la ex moglie, assistita dall’avvocatessa Laura Alfano, e i due figlioletti della coppia assistiti dall’avvocatessa Laura Attanasio

L’imputato – difeso dagli avvocati Massimo Nemola e Luigi Termini –  era già rinchiuso in carcere per questa vicenda e, dopo il pronunciamento del Collegio giudicante, lo rimane.

L’incubo in casa sarebbe andato avanti per diverso tempo. E fino al dicembre di tre anni fa per quanto riguarda la moglie.

Gli abusi sui figli, invece, sarebbero avvenuti nell’arco temporale che va per uno dal 2015 al 2018 e per l’altro nel 2016.

È stata la denuncia della donna  presentata ai carabinieri a fare scattare l’indagine e successivamente l’arresto del padre-padrone. Riferendosi degli abusi a cui lei sarebbe stata costretta sottostare, ma anche i figli.

La donna ha raccontato di un vero e proprio inferno, Con tantissime minacce di morte, episodi violenti come pugni, schiaffi, spintoni o stringerle una cintura intorno al collo, oltre ad apostrofarla sempre pesantemente. Poi la denuncia della donna presentata ai carabinieri dopo avere subito – per l’accusa – per anni.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 4.1 / 5. Vote count: 7

Vota per primo questo articolo

Condividi