Home Cronaca Accoltellamento in una spedizione punitiva, 4 le condanne

Accoltellamento in una spedizione punitiva, 4 le condanne

617 views
0

Caltanissetta – È per un accoltellamento che sono tornati alla sbarra. E nel sono usciti con un verdetto di colpevolezza, esattamente come in primo grado.

Niente sconti, in appello per il cinquantasettenne nisseno Francesco Alletto, i suoi figli, il trentatreenne Luca Valentino e il trentacinquenne Raimondo Alletto e l’ambulante quarantaseienne Massimiliano Salvatore Lombardo – assistiti dagli avvocati Maria Francesca Assennato –  accusati di lesioni, rissa e porto di abusivo di coltello. In origine era stata ipotizzata l’accusa, ben più grave, di tentato omicidio.

Vittima dell’accaduto è il quarantatreenne, Michele Cucuzza  – assistito dagli avvocati Antonino e Salvatore Falzone – al quale già in primo grado il giudice gli ha pure riconosciuto il diritto a un risarcimento dei danni a secondo l’entità che poi sarà stabilita in un procedimento dedicato.

La turbolenta vicenda, che secondo gli stessi inquirenti ha rischiato di trasformarsi in tragedia, s’è consumata al villaggio Santa Barbara. E sarebbe stato frutto di una spedizione punitiva. Era il 19 marzo 2016.

Sullo sfondo, una presunta precedente lite che avrebbe interessato uno dei figli di Alletto e il figlio dell’accoltellato.

Così poi si sarebbero trovati i due gruppetti contrapposti. E in quella zuffa, secondo la ricostruzione investigativa, sarebbe saltata fuori anche una pistola che, fortunatamente, non è stata utilizzata.

Da questa storia, assai burrascosa, hanno poi preso le mosse due distinti procedimenti – uno in abbreviato, l’altro in ordinario – che hanno coinvolto complessivamente sette imputati.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 2

Vota per primo questo articolo

Condividi