Home In Primo Piano Al centro e immobile, a Palermo l’inaffondabile Totò Cardinale presenta il libro...

Al centro e immobile, a Palermo l’inaffondabile Totò Cardinale presenta il libro e lancia la fabbrica delle idee

3.020 views
0
l’onorevole Salvatore Cardinale e il giornalista Salvo Toscano

Palermo –  “Io fermissimo sono, gli altri si muovono“. Così rispose nel corso di un’intervista a chi lo additava come ondivago. E immobile e composto era lo scorso 30 gennaio a Palermo, esattamente a  Mondello, in occasione della presentazione del suo libro “Un Giovane della Prima Repubblica”, all’interno  di una sala traboccante di gente e di fronte a un pubblico attento e qualificato,  mentre una frotta di personalità confluiva e si affrettava per accaparrarsi un posto in sala e seguire con vivo

Il pubblico presente in sala

interesse l’evento. Perché quando c’è lui la gente accorre, si affretta,  conscia che, anche in sale capienti, i posti a sedere sono presto tutti esauriti, sicché le persone assistono in piedi pur di assaporare le prelibatezze oratorie, gli arguti ragionamenti, le argomentazioni che, alla fine, convincono sempre. Totò Cardinale, politico navigato e navigante, invero, ha tenuto saldo  il timone  della nave che ha attraversato “Prima, Seconda e Terza Repubblica”, mantenendo fissa la rotta anche quando le acque erano agitate. Ha scandagliato i fondali, evitato le secche, aggirato gli scogli, studiato le mappe, neutralizzato le insidie provenienti dalle correnti di quel “mare magnum” che è la politica del Belpaese. Così mentre partiti e politici venivano falcidiati da errori, talvolta orrori, della storia recente del nostro Paese, l’ex ministro mussomelese,  sorretto da  fiuto, istinto e acume, ha attraversato indenne i rischi di una traversata ultra cinquantennale  ed è tutt’oggi uno degli osservatori più lucidi delle evoluzioni politiche isolane e nazionali. Incalzato dalle domande del  cronista politico  Salvo Toscano, nel corso della presentazione,  l’onorevole Cardinale, uomo che medita anche il respiro, ha risposto in modo ponderato ma schietto, svelto e  avvincente,  alternando citazioni dotte a spassose  battute in dialetto.  Il suo

Francesco Scoma e Gianfranco miccichè
Francesco Scoma e Gianfranco miccichè

è un libro in cui ripercorre tappe e intoppi, analizza storie ed eventi, richiama alla memoria persone e fatti. Il tono non è mai inquisitorio o accusatorio, l’uomo che ha  il cuore tatuato con il simbolo scudocrociato non giudica ma analizza e sviscera portata e significato del ricchissimo bagaglio di esperienze maturate.  Democrazia Cristiana, Ccd, Udeur  Margherita, Pd, PDR, Sicilia Futura, sono declinazioni di quel centro e centrismo che Cardinale ha professato come una fede. Con i suoi aneddoti gustosi e coloriti ha attanagliato  e coinvolto, per oltre  due ore, il colto uditorio. Prestigiosi e ricchi di spunti i contributi di Giovanni Pepi già condirettore  del “Giornale di Sicilia”, Lillo Miceli firma di punta de “La Sicilia”, Elio Sanfilippo di Legacoop,  degli onorevoli Francesco Scoma, Edy Tamajo e del  presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè. Si è dibattuto su temi  eterogenei del passato e del presente: l’aberrazione giustizialista,  il finanziamento ai partiti, la demagogia, l’uomo forte, i rapporti tra politica e strumenti telematici. Incapace di stare con le mani in mano e sollecitato dai numerosi e autorevoli amici, il politico coi baffi, ha proposto di dar vita a un think tank,  “una fabbrica delle idee – ha precisato il giovane della Prima Repubblica allergico all’uso dei social e degli anglicismi – di matrice laica ma improntata ai valori dei moderati che chiami a raccolta  l’intellighenzia siciliana e avanzi progetti e proposte”.  Alla fine Totò Cardinale, dopo aver autografato un numero così elevato di copie del libro, da rischiare di ritrovarsi con un braccio anchilosato, era lì con lo sguardo sornione.  Inaffondabile, al centro e immobile, come sempre.

Edy Tamajo, Beppe Picciolo, Francesco Scoma e Gianfranco Miccichè

 

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Consentici di continuare a garantire il diritto di sapere quello che gli altri non ti dicono. Sostienici!

Con bonifico bancario, anche online, intestato ad:  Associazione “Castello Incantato”  CODICE IBAN IT68T0897583380000000011400 (Bcc “San Giuseppe Mussomeli" - causale: donazione liberale per castelloincantato.it).

CON PAYPAL O CARTA (clicca sotto)

Condividi