Home Cronaca Allaccio abusivo alla rete idrica, assolto l’ex presidente del Campofranco calcio   

Allaccio abusivo alla rete idrica, assolto l’ex presidente del Campofranco calcio   

1.194 views
0

Campofranco – Alessandro Di Leo , ex presidente della squadra di calcio di Campofranco, s’è ritrovato ancora sotto accusa per un allaccio abusivo alla rete dell’acqua nella casa dove alloggiavano i suoi giocatori. Vicenda, punteggiata dal punto di vista giudiziario da qualche sussulto, per cui due anni e mezzo fa è stato già assolto.

Ma è per un cavillo procedurale che è stato ritrascinato sotto processo per una storia che orami sembrava abbondantemente archiviata. E invece no.  Ma anche in appello, alla fine, è arrivato un verdetto di non colpevolezza.

Quello che ha incassato l’ex presidente della squadra di calcio di Campofranco,  – assistito dall’avvocato Claudio Testa – finito di nuovo in giudizio per l’ipotesi di furto.

Ma ora anche la corte d’Appello di Caltanissetta, così come chiesto dalla difesa, lo ha ritenuto estraneo alla vicenda confermando l’assoluzione già sentenziata al termine del primo grado del giudizio celebrato con rito abbreviato e conclusosi, nell’ottobre di tre anni fa, con un verdetto di non colpevolezza per «non avere commesso il fatto».

A trascinare ancora l’allora presidente della squadra calcistica campofranchese sotto accusa è stata una svista. Già perché quella prima sentenza non è stata trasmessa alla procura. Gli stessi uffici giudiziari hanno così proposto incidente di esecuzione chiedendo di essere riammessi all’appello. Sostanzialmente riaprendo i termini utili.

E così è stato. Con un nuovo procedimento a carico dello stesso ex presidente. La procura generale ha pure chiesto di riaprire l’istruttoria dibattimentale e, alla fine, ne ha chiesto la condanna a 14 mesi di reclusione. Ma la Corte, alla fine, ha confermato il pronunciamento emesso in primo grado.

La vicenda ruota attorno a un allaccio abusivo alla rete idrica che era stato scoperto in un appartamento di via Roma, a Campofranco. Lì alloggiavano i suoi calciatori. Ma quell’immobile non apparteneva a lui e il contratto era stato firmato dagli stessi calciatori.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 2.6 / 5. Vote count: 5

Vota per primo questo articolo

Condividi