Home Cronaca Assalto a due bar, arrestati tre rapinatori in trasferta: due sono quindicenni....

Assalto a due bar, arrestati tre rapinatori in trasferta: due sono quindicenni. Video

717 views
0

Caltanissetta – Scoperti i tre rapinatori in trasferta che una quarantina di giorni fa hanno assalto un bar di Caltanissetta. Due di loro sono minorenni.

I provvedimenti sono scatti a carico del quarantatreenne agrigentino Leonardo Capizzi – già detenuto – e per due quindicenni G.C.D. e L. D.D. , tutti e tre canicattinesi.

Sono stati destinatari di ordinanza di custodia cautelare, per i ragazzini a firma del gip Antonina Sabatino su richiesta del procuratore per i minorenni, Laura Vaccaro, mentre per il quarantatreenne è stata disposta dal gip David Salvucci. Sono accusati di rapina, tentata rapina in concorso e lesioni.

Le indagini sono immediatamente scattate dopo l’intervento delle volanti che alle 5 del mattino- era il 25 ottobre scorso – hanno trovato la saracinesca del bar «Opera», di via Filippo Paladini, sfondata ed all’interno titolare e clienti.

Già dalle prime indagini i poliziotti, attraverso testimonianze, hanno indirizzato le indagini verso l’Agrigentino perché i rapinatori avrebbero avuto una inflessione dialettale di quelle zone.

Poi attraverso le immagini registrate non solo dall’impianto di videosorveglianza del bar ma anche lungo le vie cittadine, hanno consentito ai poliziotti di dare una identità ai rapinatori.

È stata pure ricostruita l’esatta dinamica di quell’azione messa a segno alle prime luci dell’alba. Capizzi avrebbe minacciato il titolare stringendo in pugno una spranga di ferro e mandando in frantumi il vetro in plexiglass davanti la cassa, mentre uno dei due minori avrebbe preso 1000 euro dal registratore di cassa .

L’altro minorenne, invece, avrebbe fatto da palo appena fuori il bar, insieme a una donna ferma un po’ più distante, in fondo via Paladini.

In quella circostanza è stato lo stesso titolare del bar, aiutato da qualche cliente, a mettere in fuga i rapinatori. Ma un ragazzino è rimasto bloccato dentro.

Per liberarlo, Capizzi avrebbe preso l’auto e sfondato la vetrina per consentirgli la fuga. In quell’azione sia il barista che un avventore, gli stessi che avevano fermato il minore, sono rimasti feriti.

Ai tre canicattinesi – attraverso la visione delle immagini girate da videocamere di sorveglianza – è stata pure contestata la tentata rapina ai danni del bar «Bingo» di via Pugliese Giannone. Anche in questo caso il quarantatreenne e i due minori sarebbero entrati nel locale armati di spranga, ma sono stati messi in fuga dalla reazione del titolare.

IL VIDEO

 

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3.7 / 5. Vote count: 3

Vota per primo questo articolo

Condividi