Home Cronaca Botte e insulti alla convivente e alla sua bimba, arrestato «marito violento»

Botte e insulti alla convivente e alla sua bimba, arrestato «marito violento»

1.014 views
0

Caltanissetta –  Per anni l’avrebbe maltrattata. Tant’è che nel tempo, in un paio d’anni in particolare, lei avrebbe presentato un paio di denunce a carico del convivente, nel 2017 e due anni dopo.

Lo stesso che, adesso, è stato arrestato dalla polizia. È un trentenne nisseno, G.M., a carico del quale è stato ipotizzato il reato di maltrattamenti in famiglia.

È dopo una chiamata giunta alla sala operativa della questura, per segnalare una lite in corso, che una pattuglia è intervenuta in una via del centro storico nisseno, in via Redentore.

Arrivata in zona hanno notato un giovane un uomo che in strada stava inseguendo a piedi una donna urlandole contro «ti ammazzo puttana!».

La donna, peraltro pure ferita alla testa, stava correndo a più non posso tenendo per mano una bambina in lacrime. Mamma e figlia sono state soccorse e poi il trentenne è stato bloccato.

I motivi di quell’aggressione sarebbero stati futili. Sì, perché la donna ha raccontato agli agenti che poco prima, in casa, la bambina aveva involontariamente toccato un cavo di alimentazione facendo spegnere il televisore. L’uomo, andato su tutte le furie, dapprima avrebbe preso a schiaffi la bambina urlandole «ti ammazzo», poi si sarebbe scagliato contro la convivente corsa in aiuto della figlia. La donna sarebbe stata presa a schiaffi e pugni al viso e alla testa e poi sarebbe stata minacciata dall’uomo che le avrebbe urlato una frase del tipo «vattene puttana che ammazzo anche te».

Così, per mettersi in salvo, la donna ha afferrato la piccola per le mani ed è corsa in strada per chiedere aiuto. Ed è la scena che si è presentata agli agenti quando sono arrivati sotto casa della coppia.

Già in passato, la donna, aveva presentato in questura un paio di denunce per maltrattamenti nei confronti del suo convivente. Ora è stato arrestato e rinchiuso in una cella del carcere Malaspina.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 4.1 / 5. Vote count: 9

Vota per primo questo articolo

Condividi