Home Cronaca Camera di commercio di Caltanissetta condannata a risarcire un precario

Camera di commercio di Caltanissetta condannata a risarcire un precario

789 views
0

Caltanissetta – Dovrà indennizzare un suo ex lavoratore precario. La condanna, sancita dal giudice del lavoro, è piovuta sulla Camera di commercio di Caltanissetta che, di contro, ha sollecitato il rigetto del ricorso dell’ex dipendente.

A citarla in giudizio è stato un dipendente,  Gabriele R. – assistito dall’avvocato Salvatore D’Angelo – che, negli anni, ha fruito di una sfilza di contratti a tempo determinato.

E all’ente ha chiesto non solo la stabilizzazione del suo rapporto di lavoro, ma ha avanzato anche una serie di rivendicazioni. A cominciare dal riconoscimento di una differenza retributiva perché avrebbe ricoperto mansioni superiori rispetto al suo inquadramento e, ancora, danni perché avrebbe lavorato per ore e ore davanti  un monitor di pc senza pause.

Ma alla fine il giudice,  nel rigettare tutte le eccezioni sollevate dalla camera di Commercio – assistita dall’avvocato Lorenzo Maria Dentici – ha concesso al ricorrente il riconoscimento di sei mensilità, oltre a interessi e rivalutazione.

Tutte le altre richieste non sono state accolte. Ognuna con una motivazione ben precisa.

Per quanto riguarda la richiesta di stabilizzazione, come stabilito da una legge del lontano 2001, è applicabile per contratti, anche non continuativi, per un periodo di oltre trentasei mesi, solo nel privato, non nel pubblico. E il giudice ha osservato che la natura giuridica della Camera di commercio è quella di un ente pubblico.

Il primo contratto di dipendenza del precario risale al lontano 2006. E da quel momento in poi, anche con dei periodi di vuoto, avrebbe lavorato complessivamente per oltre otto anni fino a un paio di anni addietro.

Ora il verdetto del giudice del lavoro ha imposto all’ente camerale il pagamento di sei mensilità in favore del ricorrente.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi