Home Cronaca Cercavano armi in casa sua ma  trovarono un escavatore rubato 20 anni prima,...

Cercavano armi in casa sua ma  trovarono un escavatore rubato 20 anni prima, madre assolta ma pentito finisce nei guai

1.419 views
0

Caltanissetta – In casa sua, e della madre, i carabinieri s’erano presentati in cerca di armi. Lui che da cinque anni è un collaboratore di giustizia. E invece hanno trovato altro. Un mezzo pesante da cantiere rubato una ventina d’anni prima in Lombardia. Così, alla fine, a finire sotto processo è stata la madre.

Ma adesso è stata assolta e sotto accusa s’è ritrovato proprio il figlio collaborante, il riesino Carmelo Arlotta.

Già, è finito ancora nei guai tra le pieghe del procedimento per ricettazione scattato a carico della madre, la settantaduenne Angela Serio – difesa dagli avvocati Carmelo Terranova e Giada Faraci – che il giudice Marco Milazzo, adesso, ha assolto per non avere commesso il fatto.

Ma tra le pieghe delle dichiarazioni rese dal pentito durante il procedimento a carico della genitrice, alla fine, s’è cacciato nei guai lui. Per tirar via le castagne dal fuoco alla madre, ha ammesso di aver saputo che quella ruspa-escavatore era stata rubata.

Ne era stato denunciato il furto nel lontano 2003 a Muggiò da un imprenditore che, alla fine, ha deciso di non costituirsi parte civile nel procedimento che ne è derivato a carico della donna.

«L’abbiamo portata giù – ha spiegato il collaborante rispondendo alle domande del giudice – … e poi abbiamo saputo che era rubata… ma l’abbiamo tenuta lo stesso».  Il riferimento è a lui e al fratello Angelo, anch’egli collaboratore di giustizia.

Queste sue dichiarazioni, da un lato hanno tratto fuori dagli impicci la madre, dall’altro hanno inguaiato lui che, peraltro, oltre un anno addietro è stato condannato a quattordici anni di carcere per un delitto nel Milanese

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi