Home Cronaca Codice rosso attivato tre volte ma la procura chiede l’archiviazione, il gip...

Codice rosso attivato tre volte ma la procura chiede l’archiviazione, il gip ordina l’imputazione del «marito violento»

332 views
0

Tre codici rossi attivati ma la procura ha chiesto l’archiviazione. A disporre l’imputazione coatta del sospetto marito violento è stata alla fine il gip Grazia Luparello. Così un cinquantunenne nisseno, A.R (di lui si omettono le generalità a tutela della moglie) sarà processato per maltrattamenti e lesioni aggravate. È stata la moglie – assistita dall’avvocato Rosario Didato – a denunciarlo tre volte a carabinieri e polizia raccontando loro di un clima da incubo che avrebbe vissuto in casa. Lì, a parte minacce, aggressioni fisiche ed essere pesantemente apostrofata, avrebbe subito di tutto compreso lanci di piatti e posate.Per avvalorare i contenuti delle denunce, la donna avrebbe pure  prodotto registrazioni audio e certificazioni. Ma la procura era giunta alla conclusione che non vi fossero gli estremi per chiedere il rinvio a giudizio dell’indagato – (assistito dall’avvocato Sergio Messina – ritenendo che tra le indagini quanto aveva dichiarato la parte offesa sarebbero emerse discrepanze. Da qui la richiesta di archiviazione che è stata impugnata dal legale della donna. E alla fine il gip ha ordinato al pm di disporre l’imputazione a carico del cinquantunenne perché sia processato per maltrattamenti e lesioni aggravate. Peraltro nel marzo di quest’anno la donna ha avviato un giudizio di separazione e divorzio dinanzi al tribunale civile di Caltanissetta.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi