Home Cronaca Crisi idrica, scatta un piano di razionamento

Crisi idrica, scatta un piano di razionamento

418 views
0

Caltanissetta – È piena emergenza idrica. E scatta un piano di razionamento. Sì perché siccità e livelli dei bacino all’osso hanno spinto l’autorità di bacino a ordinare al fornitore sovrambito, Siciliacque, di attuare una riduzione dei prelievi dagli invasi Ancipa e Fanaco già  a partire da lunedì 11 marzo.

E per questa ragione « Caltaqua ha varato un piano contenente diverse misure tra le quali, all’occorrenza, anche la rimodulazione della distribuzione idrica nei diversi comuni, o singole aree degli stessi, che sarà di volta in volta tempestivamente comunicata. Tutte le misure previste dal piano, incluso il ricorso eventuale al servizio sostitutivo con autobotti per le utenze “sensibili” in diretta collaborazione con le amministrazioni comunali interessate, obbediscono all’esigenza di contenere al massimo gli inevitabili disagi per l’utenza».

E su questa problematica, la stessa società che gestisce il servizio idrico nella provincia di Caltanissetta, ha già informato i sindaci del piano di riduzione dei prelievi dagli invasi Fanaco e Ancipa che attuerà Siciliacque «e dei suoi riflessi sulla distribuzione idrica, invitando le amministrazioni a valutare l’opportunità di predisporre e mettere in campo tutte le iniziative necessarie, anche in termini di vigilanza su eventuali usi inappropriati dell’acqua,  per fronteggiare la crisi idrica che sta investendo la regione», è stato spiegato.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3.7 / 5. Vote count: 3

Vota per primo questo articolo

Condividi