Home In Primo Piano Decreto elezioni:  una norma potrebbe blindare il sindaco Catania

Decreto elezioni:  una norma potrebbe blindare il sindaco Catania

851 views
0

Mussomeli – Si riaffaccia all’orizzonte «la salva ineleggibili» affondata nei mesi scorsi all’Ars che, dopo il sofferto via libera in commissione affari costituzionali, s’anniderebbe nel decreto elezioni approvato in Senato con settantanove voti favorevoli, trentanove contrari e sei astenuti. Sì, una delle norme contenute nel pacchetto, fortemente voluta dal senatore azzurro Claudio Lotito – per l’opposizione una norma ad personam per salvare il consigliere regionale del Lazio, Marco Colarossi, fuoriuscito dal Movimento 5 Stelle per transitare in Forza Italia – potrebbe sortire effetti anche per il parlamentare regionale di Fratelli d’Italia, Giuseppe Catania, sindaco di Mussomeli, contro il quale è stato  presentato ricorso. È stato dichiarato ineleggibile dal tribunale civile di Palermo ma, adesso, è in attesa del pronunciamento d’appello che dovrebbe giungere entro il giugno prossimo. Il decreto approvato nei giorni scorsi in Senato contiene al suo interno anche norme per gli enti locali. E, nel concreto, adesso diverrebbero ineleggibili nei Consigli regionali non più i dipendenti delle stesse Regioni, come attualmente ,  ma coloro «che svolgono funzioni e attività amministrative».    E il sindaco Catania, in prima battuta, è stato dichiarato ineleggibile perché, a quel tempo, rivestiva la carica di amministratore del Gal Terre del Nisseno, oltre che sindaco di Mussomeli. Provvedimento che, nel concreto, rimane congelato fin quando il pronunciamento non diverrà definitivo. Ma questa norma contenuta nel nuovo decreto voluto da Lotito cancellerebbe la condizione ostativa che ha messo a rischio la permanenza del sindaco Catania a Sala D’Ercole, così come di altri parlamentari regionali ritenuti incompatibili.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 2.5 / 5. Vote count: 2

Vota per primo questo articolo

Condividi