Home Cronaca Delitto Siddique e caporalato, in 14 dal gup

Delitto Siddique e caporalato, in 14 dal gup

461 views
0

Caltanissetta – Udienza preliminare per un manipolo d’imputati accusati, a vario titolo, di omicidio e caporalato. Il passaggio, al cospetto del gup Alessandra Maira, sull’onda delle indagini dei carabinieri coordinati dalla procura che ha depositato la richiesta di aprire un procedimento a loro carico.

I nomi al centro del dossier sono quelli di Abdul Hamedd 32 anni e Ahmad Shahba di 25,  Alì Imran, 29 anni,  Alì Shujaat di 33,  Arshad Muhammad, 38 anni,  Azhar Iqbal Gondal di 50,  Bilal Ahmed 22 anni,   Giada Giarratana di 22 anni, Luqman Muhammad, 20 anni,   Mohsin Ali, 33 anni,  Muhammad Mehdi di 49, Muhammad Nawaz di 33,  Muhammad Shoaib, 28 anni,   Muhammed Shariel Awan 21 anni e  Shehzad Khuram, 34 anni.

I quattordici – assistiti dagli avvocati Massimiliano Bellini, Vanessa Di Gloria, Salvatore Baglio, Giuseppe Dacquì, Rosario Di Proietto, Giovanni Di Giovanni, Diego Giarratana, Chiara Matraxia, Grazia Maria Riggi, Donatella Baglio Pantano, Pippo Speranza – sono accusati a vario titolo, per caporalato, associazione a delinquere mafioso finalizzato agli omicidi, sequestro di persona a scopo di estorsione, estorsioni, rapine, porto d’armi, lesioni personali e violazione di domicilio.

Il delitto in questione è quello del trentaduenne pakistano – come i suoi presunti assassini – Adnan Siddique, ucciso la notte del 3 giugno dello scorso anno nella sua abitazione nel centro storico di Caltanissetta.

Si sarebbe fatto portavoce di suoi connazionali sfruttati nei campi sotto le direttive di “caporali” che., secondo la tesi accusatoria, sarebbero stati strutturati come in forma mafiosa.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi