Home Cronaca «Ditta come centrale della ricettazione», assolta imprenditrice e suoi operai

«Ditta come centrale della ricettazione», assolta imprenditrice e suoi operai

309 views
0

Caltanissetta – Loro di quell’azienda che, per l’accusa, sarebbe stata una centrale della ricettazione non avrebbero saputo nulla. E la titolare sarebbe stata tale solo sulla carta, ma a gestire sarebbe stato il marito che, in precedenza, ha già patteggiato. Quanto ai loro due dipendenti  sarebbero stati all’oscuro dei presunti affari sporchi ipotizzati dagli inquirenti.

Tradotto nel concreto, s’è tramutato in un verdetto assolutorio per i tre imputati finiti in giudizio per rispondere delle ipotesi di ricettazione e abbandono di rifiuti pericolosi.

Così si è chiuso il processo a carico della quarantaduenne riesina Angela Bontà – sulla carta a capo di una società di autoricambi – e due dipendenti, il venticinquenne Francesco Di Matteo e il cinquantasettenne Gaetano Imbergamo  – assistiti dagli avvocati Mirko La Martina, Carmelo Terranova e Isabella Costa – assolti per «non avere commesso il fatto».

Tutto è legato a una ispezione che i carabinieri hanno effettuato in azienda nel dicembre di quattro anni fa. In quella circostanza sarebbero saltati fuori la targa di una Fiat Panda rubata poco prima.

Ma durante quella verifica sono state rinvenute altre parti di macchine di provenienza furtiva, come targhe e telai.

Ma anche motori, pure quelli ritenuti di dubbia provenienza, e che avrebbero fatto scattare l’ipotesi di abbandono di rifiuti pericolosi.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Consentici di continuare a garantire il diritto di sapere quello che gli altri non ti dicono. Sostienici!

Con bonifico bancario, anche online, intestato ad:  Associazione “Castello Incantato”  CODICE IBAN IT68T0897583380000000011400 (Bcc “San Giuseppe Mussomeli" - causale: donazione liberale per castelloincantato.it).

CON PAYPAL O CARTA (clicca sotto)

Condividi