Home Cronaca Estorsione, furti e droga: quattro arresti dopo il rigetto della Cassazione

Estorsione, furti e droga: quattro arresti dopo il rigetto della Cassazione

556 views
0

Caltanissetta – È stata  la Cassazione a rigettare i loro ricorsi. E adesso, per i quattro, divenuta definitiva la pena, è scattato l’arresto eseguito nelle scorse ore dai carabinieri.

I provvedimenti sono scattati nei confronti dei sancataldesi Cristian Callari, Alessandro Scalzo, Salvatore Raimondi e Angelo Giumento  – difesi  dagli avvocati,  Calogero Vinci, Giuseppe Dacquì, Danilo Tipo,  Angelo ed Ennio També – tutti coinvolti nell’operazione su mafia e pizzo ribattezzata «Pandora» e qualcuno – in particolare Giumento – anche nel blitz «Kalyroon» o altro ancora.

In appello, per Pandora, nel giugno dello scorso anno, sono stati condannati a 5 anni 8 ,mesi di reclusione ciascuno.

Adesso Callari deve scontare 2 anni, 9 mesi e 18 giorni per estorsione; Scalzo un anno, 3 mesi e 27 giorni per tentata estorsione; Raimondi 9 anni, un mese e 27 giorni per furto aggravato ed estorsione e, infine, Giumento con una pena complessiva di 11 anni e 4 mesi, di cui 5 anni da scontare, per estorsione e detenzione e spaccio di stupefacenti.

Ad eccezione di Giumento, che è stato rinchiuso in carcere, gli altri tre hanno ottenuto gli arresti domiciliari- Gli ordini di carcerazione sono stati emessi dalla procura generale di Caltanissetta.

La Cassazione, infatti, ha giudicato inammissibili i ricorsi presentati dai quattro imputati così da rendere inappellabili le loro condanne.

Il blitz Pandora, dai Carabinieri di Caltanissetta, è scattato il 9 luglio 2018, con una dozzina di arresti e altre sei denunciate.

Tutti accusati, a vario titolo di associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione, turbativa d’asta, corruzione e altri reati contro la pubblica amministrazione.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3 / 5. Vote count: 2

Vota per primo questo articolo

Condividi