Home Cronaca «False fatturazioni», processo per quattro

«False fatturazioni», processo per quattro

1.257 views
0

Caltanissetta – C’è chi, tra loro, avrebbe emesso fatture ritenute fantasma e chi, invece, ne avrebbe beneficiato.  Questo,  per linee generali, il teorema accusatorio a carico di quattro imputati.

Tutti finiti al centro di un’indagine della guardia di finanza che ha preso in esame, in relazione all’inchiesta, un periodo che va dal 2007 al 2011.

E la vicenda era approdata in aula, ma poi l’istruttoria è stata azzerata. Ora in quattro sono chiamati sul banco degli imputati.

Sono il sessantenne Luigi Giorgio ai vertici del «Centro sordità srl», l’amministratore unico pro-tempore della stessa società , il cinquantaquattrenne Vincenzo Calogero Giglio, il cinquantenne  Salvatore Profeta  e  amministratore unico della società «Tradeur holding srl il settantottenne  Nunzio Mavica.

I quattro – assistiti dagli avvocati Raffaele e Riccardo Palermo, Davide Schillaci e Vito Presti – sono accusati a vario titolo di dichiarazione fraudolenta attraverso l’uso di fatture per operazioni inesistenti ed emissione di fatture per operazioni inesistenti.

Le fiamme gialle hanno ipotizzato che il centro sordità abbia beneficiato di fatture per lavori che non sarebbero mai stati in realtà eseguiti.

E chi li avrebbe realizzati – per l’accusa solo teoria – non li avrebbe poi contabilizzati. In termini numerici l’imponibile in questione avrebbe tetto il tetto di un milione di euro, con la conseguente evasione d’Iva.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi