Home Cronaca Fu preso dopo un inseguimento mozzafiato in città, ora arriva la condanna

Fu preso dopo un inseguimento mozzafiato in città, ora arriva la condanna

485 views
0

Caltanissetta – S’era reso protagonista di un inseguimento mozzafiato tra le vie della città. Una fuga a tutta velocità incalzato dalle pattuglie della polizia.

Quella, per lui, è stata una notte più che burrascosa e che gli ha segnato nuovi guai con la giustizia. Perché ne ha già avuti per fatti analoghi ma anche per tutt’altre vicende.

E adesso il ventinovenne nisseno Michele Kristian Guagliardo – assistito dall’avvocato Ernesto Brivido – per quella notte turbolenta è stato processato e condannato.

E di nove mesi la condanna che gli è stata comminata dal giudice Santi Bologna per l’accusa di resistenza pubblico ufficiale. La procura aveva chiesto una pena più severa.

È alla notte del 21 ottobre di due anni fa che risalgono i fatti. Quando una pattuglia di polizia ha imposto l’alt al giovane che stava viaggiando in sella a uno scooter.

Ma piuttosto che fermarsi ha aperto il gas ed è scappato. nella notte è partito un inseguimento che s’è sviluppato lungo parecchie vie dell’abita di Caltanissetta.

Fini a quando, messo alle strette, ha abbandonato lo scooter, asciandolo cadere sull’asfalto, per fuggire a piedi. Ma ha finito per intrappolarsi da solo in un cortile senza uscita di un palazzo.

A quel punto è stato preso dai poliziotti, trasferito in questura e poi segnalato alla magistratura per la stessa ipotesi di reato per cui, adesso, è stato condannato.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Consentici di continuare a garantire il diritto di sapere quello che gli altri non ti dicono. Sostienici!

Con bonifico bancario, anche online, intestato ad:  Associazione “Castello Incantato”  CODICE IBAN IT68T0897583380000000011400 (Bcc “San Giuseppe Mussomeli" - causale: donazione liberale per castelloincantato.it).

CON PAYPAL O CARTA (clicca sotto)

Condividi