Home Cronaca Furbetti del cartellino», chiusa l’inchiesta per un gruppetto di ospedalieri

Furbetti del cartellino», chiusa l’inchiesta per un gruppetto di ospedalieri

1.478 views
0

Gela – La procura ha chiuso il fascicolo legato alla maxi indagine anti assenteismo all’ospedale «Vittorio Emanuele» di Gela che, trasversalmente, ha toccato più categoria professionali

Sono poco meno di una ventina i coinvolti nell’inchiesta della polizia che, nell’aprile scorso, ha fatto scattare sette misure cautelari, tra misure personali e interdittive. Alcune delle quali, poi sospese dal tribunale del riesame.

Gli altri, tutti dipendenti dell’Azienda sanitaria provinciale nissena in servizio al nosocomio di via Palazzi, sono stati indagati in libertà.

Già in origine, a carico di tutti, i magistrati hanno contestato l’ipotesi di truffa aggravata  con abuso di prestazione d’opera.

Per i sospetti furbetti del cartellino l’indagine è partita nel settembre di due anni fa sull’onda di una segnalazione che lamentava disservizi in ospedale.

E sono state piazzate microcamere spia ad ogni ingresso – e ovviamente al tempo stesso uscita – della struttura sanitaria e in corrispondenza delle macchinette marcatempo.

Le indagini – secondo la tesi accusatoria – avrebbero consentito di documentare uscite non autorizzate durante le ore di servizio.

E qualcuno, sempre secondo gli inquirenti, avrebbe passato il badge al posto di colleghi in quel momenti assenti dal posto di lavoro.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 4.2 / 5. Vote count: 5

Vota per primo questo articolo

Condividi