Home Eventi Giornata mondiale dell’acqua, Caltaqua piantumerà in Tanzania 200 nuovi alberi

Giornata mondiale dell’acqua, Caltaqua piantumerà in Tanzania 200 nuovi alberi

277 views
0

Caltanissetta – Sostenibilità e responsabilità sociale. Sono i due temi a cui Caltaqua guarda in occasione della Giornata mondiale dell’acqua e a ieri, Giornata mondiale delle foreste. E, legando idealmente i due eventi, la società che gestisce il servizio idrico ha scelto di sostenere uno dei progetti di riforestazione in Tanzania sostenuti da zeroCO2, società benefit che gestisce direttamente progetti ad alto impatto sociale per contrastare la crisi climatica con un modello di sviluppo sostenibile.

L’intervento sostenuto da Caltaqua in Tanzania – Paese che ha perso venticinque per cento della proprie foreste negli ultimi trent’anni – nel concreto prevede la piantumazione di duecento nuovi alberi  – da frutto, forestali e medicinali –  nel distretto di Monduli, piccolo agglomerato di villaggi su un altopiano. Questa regione è abitata prevalentemente da comunità rurali Masai, che si sostentano con agricoltura e allevamento.

«Questo progetto di agroforestazione rigenerativa – è stato spiegato – viene condotto assieme alle donne delle comunità rurali Masai che, a loro volta, sono coinvolte in azioni formative sulle pratiche agricole sostenibili. Così la donazione degli alberi messi a dimora per queste donne diventa, al tempo stesso, fonte di sicurezza alimentare e sostegno economico, favorendone il loro empowerment».

E, guardando agli alberi intesi come «la tecnologia oggi più efficace ed economica per la compensazione di gas serra», le duecento piante messe a dimora da Caltaqua, secondo previsioni, assorbiranno progressivamente sino a trentaseimila chili di anidride carbonica e in questo modo si contribuirà a contrastare la perdita di biodiversità e l’erosione del suolo in un’area molto colpita dai cambiamenti climatici.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi