Home Cronaca I giorni della merla a Mussomeli

I giorni della merla a Mussomeli

1.063 views
0

MUSSOMELI – Proprio oggi iniziano i “giorni della merla” che, nei ricordi della gente più anziana e quindi nella tradizione popolare, sono stati considerati come i più freddi dell’anno. Sinceramente, per Mussomeli,
paese collinare posto a 650 metri di altitudine sul livello del mare, tutto il mese di gennaio con inizio nel periodo di dicembre anche, è stato ricco di gelate e vento che ha rinfrescato le ossa dei suoi abitanti, da
sempre abituati alla tramontana. La tradizione vuole che, più questi giorni sono freddi e con maltempo, più dovremmo godere di una bella primavera. All’origine del nome dei giorni della merla, si tratta di tre giorni e cioè il 29, il 30 E il 31 del mese, ci sono principalmente due leggende. La prima racconta dei litigi e dei dispetti che si frapponevano in passato tra una merla e il mese di Gennaio che si divertiva a farle soffrire il freddo tutte le volte, nel corso dell’inverno, questa si allontanava in cerca di provviste. Stanca di questa situazione dove veniva fuori l’arroganza di Gennaio, la merla escogitò un piano strategico: un anno raccolse così tanto cibo che gli permise di non allontanarsi mai dal suo nido, rimanendo, in questo modo, al riparo dalle gelide temperature fino all’ultimo giorno del mese. Gennaio, a sua volta non si arrese, chiese a Febbraio tre giorni in prestito, infatti il mese di Gennaio era prima di 28 giorni, soffiando vento, pioggia e neve e facendoli diventare i più freddi e rigidi di tutto l’anno. Un’altra leggenda, racconta di come la merla,
fino a quel momento nera come gli esemplari maschi, cercò riparo in un comignolo con i suoi piccoli. Di conseguenza, alla fine dei tre giorni di freddo incessante, la merla uscì tutta grigia di cenere. Da qui ecco
spiegato il colore diverso tra i maschi e le femmine della razza di volatili. Al di là delle leggende che fanno la storia della nostra tradizione popolare, scienza e statistiche meteo in realtà spiegano che dopo questi giorni
della merla si assiste a un quadro generale di aumento delle temperature e che, passo dopo passo, ci avvicina alle temperature più miti della primavera anche se, come sappiamo, per Mussomeli se non
arriviamo alla metà di giugno non si può mai parlare di temperature veramente estive e la tramontana sta dietro l’angolo.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 4.1 / 5. Vote count: 7

Vota per primo questo articolo

Condividi